23 ottobre 2017
Aggiornato 10:00
Fino al 30 settembre del 2017

Annamaria Pecile commissario straordinario della Provincia di Pordenone

Lo ha stabilito la giunta regionale, su proposta dell'assessore Paolo Panontin, nel corso della seduta di giovedì dell'esecutivo. Al commissario sono conferiti i poteri già esercitati dal presidente della Provincia, dalla giunta e dal Consiglio provinciale.

Annamaria Pecile (© Diario di Pordenone)

PORDENONE - Sarà Annamaria Pecile, direttore di servizio del Consiglio delle Autonomie locali, il commissario straordinario per la provvisoria amministrazione della Provincia di Pordenone fino al 30 settembre del 2017. Lo ha stabilito la giunta regionale, su proposta dell'assessore Paolo Panontin, nel corso della seduta di giovedì dell'esecutivo.

La nomina del commissario straordinario fa seguito alla mancata elezione del presidente della Provincia e della giunta nel corso dell'ultima seduta del 20 luglio scorso, di fatto superando i termini del rinnovo previsti dalle legge regionale 2 del 2014.
Quest'ultima norma prevede che la mancata elezione dei due organi entro il termine previsto faccia scattare lo scioglimento del Consiglio provinciale.

Al commissario sono conferiti i poteri già esercitati dal presidente della Provincia, dalla giunta e dal Consiglio provinciale.