20 agosto 2017
Aggiornato 07:30
Un’eccellenza artistica locale diventa internazionale

La Scuola Mosaicisti del Friuli di Spilimbergo debutta in Kazakistan

Già da tempo la scuola collabora con la scuola d’arte di Almaty

La scuola di mosaico di Spilimbergo (© Adobe stock foto di di lucia_lucci)

Apre i battenti ad Almaty, in Kazakistan, una mostra di opere della Scuola Mosaicisti del Friuli. L'evento è una conferma del riconoscimento dell'Istituto spilimberghese a livello internazionale quale importante centro per la formazione dell'arte musiva. La Scuola Mosaicisti del Friuli continua ad essere il fiore all'occhiello della Regione Friuli Venezia Giulia che presenzierà all'inaugurazione della mostra attraverso l'assessore alla Cultura, Gianni Torrenti.

   L'esposizione si aprirà l'8 settembre presso il complesso Villa dei Fiori di Almaty dove, oltre a Torrenti, sarà presente il presidente della Scuola Mosaicisti del Friuli, Alido Gerussi, affiancato dall'ambasciatore d'Italia in Kazakhstan, Stefano Ravagnan, e dalle autorità municipali locali.

   La mostra, organizzata in collaborazione con la Fine Art School di Almaty, sarà in seguito spostata ad Astana, a fine settembre, per essere visitata presso il Museo Nazionale della capitale kazaka.

   I rapporti con il Kazakistan sono iniziati qualche anno fa quando la Scuola Mosaicisti del Friuli ha registrato tra i suoi iscritti i primi allievi provenienti dalla School of Fine Arts and Technical Design di Almaty. La stessa direttrice della scuola d'arte kazaka, Khanzada Yessenova, è rimasta affascinata dalla struttura friulana dopo averla visitata insieme a docenti del suo Istituto, tanto da organizzare a Spilimbergo diversi stage di
studio estivo per i suoi più giovani allievi.

   Ora l'esposizione musiva ad Almaty fortifica lo scambio tra il Kazakistan e la Regione Friuli Venezia Giulia, instaurando un dialogo costruttivo che arricchisce il nostro territorio dal punto di vista culturale ed economico, aprendo nuovi creativi rapporti di collaborazione e sviluppo.