23 settembre 2018
Aggiornato 20:00

Valvole termostatiche e ripartitori nei condomini: nessuna deroga

L'assessore regione Vito: «Sono obblighi inderogabili in quanto prescritti dall'Unione Europea e, pertanto, non potranno essere soggetti a proroghe nazionali o regionali»
Una valvola termostatiche
Una valvola termostatiche (Regione Friuli Venezia Giulia)

PORDENONE - «Il termine del 31 dicembre 2016 per installare le valvole termostatiche e i ripartitori nei condomini deve
considerarsi definitivo. Non ci risulta infatti che siano previste ipotesi di proroga e pertanto è importante che tutti i cittadini siano consapevoli di un tanto
». Lo afferma l'assessore regionale all'Ambiente, Sara Vito, ricordando che l'installazione è prevista da una normativa con la quale il Governo ha recepito le disposizioni europee in materia di efficienza energetica (D.Lgs. n. 102, del 4 luglio 2014, entrato in vigore il 19/07/2014, in attuazione della direttiva europea n. 27 del 2012).

«Stante la procedura di infrazione aperta dalla Ue a febbraio 2015, tale decreto - ricorda l'assessore - è stato modificato e integrato dal D.Lgs n. 141 del 18 luglio 2016. Il disposto di legge prevede vari step, finalizzati alla riduzione entro il 2020 di 20 milioni di Tep (tonnellate equivalenti di petrolio), prevedendo tra l'altro proprio l'installazione di valvole termostatiche e ripartitori nelle abitazioni con impianto di riscaldamento centralizzato».

«Sono obblighi inderogabili in quanto prescritti dall'Unione Europea e, pertanto, non potranno essere soggetti a proroghe nazionali o regionali», sottolinea Vito, evidenziando anche come siano previsti controlli nell'ambito dell'attività di verifica degli impianti termici. Tra l'altro la norma di legge in materia non prevede, ad oggi, la possibilità di autocertificare la conformità.