22 maggio 2018
Aggiornato 04:00
Le strade sono classificate in base all’importanza

Contributi dalla Regione per i piani comunali di illuminazione

I Piani prevedono la sostituzione razionale, negli assi stradali più trafficati, dei punti luce più energivori con lampade di ultima generazione

Contributi dalla Regione Fvg per i piani comunali di illuminazione (© AdobeStock | Varran)

PORDENONE - Il termine per l'approvazione del Piano comunale di illuminazione pubblica può essere prorogato una sola volta per un periodo massimo di sei mesi, su motivata istanza del beneficiario, presentando la domanda almeno quindici giorni prima della scadenza. Lo ha stabilito la giunta regionale, su proposta dell'assessore all'Ambiente Sara Vito, approvando una delibera con la quale è stato modificato il regolamento per la concessione dei contributi alle amministrazioni locali per la predisposizione dei piani comunali di illuminazione.

Classificazione d’importanza
I Piani di illuminazione pubblica sono strumenti con i quali le amministrazioni comunali possono programmare la completa razionalizzazione di queste specifiche opere. Con i Piani si classificano le strade in base alla loro importanza e, dunque, alle caratteristiche del traffico che le percorre; in questo modo vengono stabilite le necessità di illuminazione e gli orari di massima o di scarsa percorrenza.

Riduzione dei costi
Inoltre, partendo dallo stato di fatto, i Piani prevedono la sostituzione razionale, negli assi stradali più trafficati, dei punti luce più energivori con lampade di ultima generazione. Con uno studio razionale dei consumi elettrici e delle reali necessità e con l'utilizzo di tecnologie più evolute, le Amministrazioni possono arrivare a ridurre i costi della bolletta elettrica tra il 70 e l'80 per cento, con la possibilità di utilizzare le risorse risparmiate per usi diversi da quello di mero pagamento al gestore elettrico.