21 ottobre 2018
Aggiornato 20:30

Anche i liberi professionisti potranno accedere ai fondi strutturali Por Fesr 2014-2020

Il riferimento è alla parte destinata agli aiuti sugli investimenti tecnologici rivolti alle piccole e medie imprese
L'assessore Sergio Bolzonello
L'assessore Sergio Bolzonello (Regione Friuli Venezia Giulia)

PORDENONE - Anche i liberi professionisti potranno accedere ai fondi strutturali Por Fesr 2014-2020 per la parte destinata agli aiuti sugli investimenti tecnologici rivolti alle piccole e medie imprese. Lo ha affermato il vicepresidente della Regione Sergio Bolzonello rispondendo in Aula a una interpellanza sull'argomento presentata dal consigliere Roberto Revelant (Ar).

In particolare Bolzonello ha ricordato che il bando a valere sull'azione 2.3.a.1 è stato predisposto per consentire anche ai liberi professionisti, equiparati alle Pmi, di presentare domanda e ottenere specifici contributi. In questo senso, l'assessore regionale alle Attività produttive ha evidenziato che la modulistica ed il sistema di acquisizione dei dati 'online' è stato adattato alle peculiarità della categoria; per i liberi professionisti, quindi, non viene ad esempio considerato come requisito di ammissibilità l'iscrizione al Registro delle imprese.
Inoltre Bolzonello ha spiegato che sono state predisposte le Linee guida per la compilazione della domanda di contributo. Per i liberi professionisti il requisito della capacità finanziaria verrà commisurato al volume d'affari ai fini Iva in luogo del valore del fatturato annuo richiesto invece alle Pmi.

Di tutto questo è stata data apposita informativa al Comitato di sorveglianza del Programma riunitosi nella seduta del 15 novembre scorso, alla quale hanno partecipato anche i rappresentanti della Commissione europea, i componenti dell'Agenzia per la coesione nonché tutti gli stakeholder.