14 dicembre 2017
Aggiornato 03:30
dal 7 al 9 aprile

Toscana, viaggiatori alchimisti con Pordenonelegge

Una full immersion sensoriale nello scrigno italiano d'arte e di erbe preziose, fra capolavori dell'arte e ricette di erbe officinali. Nelle terre di Aboca, a Sansepolcro, per scoprire e padroneggiare la magia 'speziaria' delle piante. E da Arezzo ad Anghiari, per ritrovare i grandi maestri del quattrocento. Iscrizioni entro il 10 marzo

La Cappella Bacci con lo straordinario ciclo di affreschi della Leggenda della Vera Croce (© Pordenonelegge)

PORDENONE - Viaggiare per conoscere, per scoprire o ritrovare, ma innanzitutto per sperimentare. Perchè il distacco è bandito quando ci si ritrova a tu per tu con le terre di Aboca, nella Toscana 'speziaria' delle piante antiche e delle erbe officinali, scrigno di profumi e suggestioni. Dal 7 al 9 aprile, tre giorni per sentirsi 'viaggiatori – alchimisti' con la nuova trasferta di pordenonelegge: una full immersion sensoriale nelle preparazioni e ricette di erbe officinali, per scoprire e padroneggiare la salutare 'magia' delle piante, a Sansepolcro. Ma anche per catturare l'anima dei capolavori del Quattrocento, da Arezzo a Anghiari, spaziando dai paesaggi a cielo aperto ai paesaggi rinascimentali nei luoghi di Piero Della Francesca e Cimabue.

7 aprile: Arezzo
'In viaggio con pordenonelegge' è una declinazione speciale del format 'pordenonelegge il territorio', oltre i confini del Friuli Venezia Giulia, come sempre a cura della Fondazione Pordenonelegge.it, questa volta in sinergia con Aboca.  Si parte venerdì 7 aprile per fare tappa ad Arezzo e visitare la Cappella Bacci con lo straordinario ciclo di affreschi della Leggenda della Vera Croce, fulgida testimonianza dell’arte di Piero della Francesca nella fase centrale della sua attività. Ad Arezzo si potrà respirare l'eco di personalità eccezionali dell'arte e della letteratura - Francesco Petrarca, Giorgio Vasari, Piero Aretino, Guido Monaco - e ritrovare le tracce di chi ha lasciato in città opere mirabili: Cimabue, i Della Robbia, Guillaume de Marcillat ...

8 aprile: Sansepolcro
Sabato 8 aprile la giornata ruoterà intorno a Sansepolcro, fra le vestigia d'arte del Museo Civico e il museo permanente dedicato alla riscoperta storica dell’uso delle piante medicinali. Nel pomeriggio spazio agli orizzonti delle terre di Aboca, fra biancospini e la­vanda, con piante provenienti da cinque continenti, vegetazione acquatica, alberi da frutto e coltiva­zioni biologiche da piante autoctone. Qui si aprirà il laboratorio erboristico per imparare a produrre unguenti, burro cacao o altri preparati erboristici. Un’esperienza sensoriale di odorato, di gusto, di tatto, colori e forme.

9 aprile: Anghiari
Domenica 9 aprile, infine, si viaggia alla scoperta della Sansepolcro medievale e rinascimentale, per immergersi nei capolavori di Piero della Francesca, primo fra tutti 'La Resurrezione di Cristo'. E prima del rientro, tappa al Ristorante di Anghiari con un pizzico di suspense: perchè proprio in queste sale ancora aleggia lo spirito di Baldaccio, condottiero valoroso che un'imboscata trasformava in fantasma senza pace, nei secoli dei secoli fino a noi.

Prenotazioni
Prenotazioni entro il 10 marzo presso la Fondazione Pordenonelegge.it in via Mazzini 2,- tel. 0434.1573100 - fondazione@pordenonelegge.it
Estratto dei programmi di viaggio completi disponibile presso Antonietti Viaggi di Robintour Spa, organizzatore tecnico dell’evento - tel. 0434.546354 e-mail antonietti@planetario-viaggi.it