22 ottobre 2017
Aggiornato 06:30
Chiamata in causa l'assessore Santoro

Bretella Sud di Pordenone: Ciriani interroga

"Mi aspettavo di conoscere almeno in linea di massima il tempo che dovremo aspettare prima che il curatore fallimentare decida se accogliere la proposta di affitto del ramo d'azienda", č il commento del consigliere regionale

Ancora incertezza sulla Bretella Sud di Pordenone (© Diario di Pordenone)

PORDENONE - Il consigliere regionale di Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale, Luca Ciriani, ha interrogato l'assessore alle Infrastrutture e Territorio, Mariagrazia Santoro, rispetto all'annosa vicenda della Bretella Sud di Pordenone, opera strategica per la Sinistra Tagliamento, bloccata dal fallimento dell'impresa aggiudicataria dell'appalto.

«Mi aspettavo di conoscere almeno in linea di massima il tempo che dovremo aspettare prima che il curatore fallimentare decida se accogliere la proposta di affitto del ramo d'azienda - è il commento di Ciriani -.  Nel caso viceversa la proposta fosse respinta e si giungessse alla rescissione del contratto, credo sarà utile fermarsi un attimo per decidere tra tutti i soggetti coinvolti (Regione, Autovie e Comuni) come procedere».

«Un'opera che ha già affrontato molti ostacoli (compresa una faticosa procedura di esproprio completata) e che ora, nonostante il tracciato sulla carta sia già pronto da tempo e siano stati stanziati 38 milioni di euro per la sua realizzazione, è al palo per via del fallimento dell'impresa di costruzioni che si è aggiudicata l'appalto due anni fa. Il fallimento che ha investito, con tutta la complessità del caso, l'impresa udinese - continua Ciriani - ha aperto più prospettive, stando a quanto dichiarato dalla stessa Santoro, ma nessuna di queste sembra semplice: fra le ipotesi studiate, secondo il codice degli appalti, potrebbe esservi il subentro della seconda impresa in gara», ipotesi su cui Ciriani vuole vederci chiaro e avere risposte certe.