19 agosto 2018
Aggiornato 03:30

Nuovo sportello unico per le attività produttive per il Comune di Pordenone

Sostanzialmente ci si rivolge ad un unico ufficio e quindi a un unico responsabile del procedimento che raccoglie tutte le documentazioni, anche di altre amministrazione coinvolte
Nuovo sportello unico per le attività produttive per il Comune di Pordenone
Nuovo sportello unico per le attività produttive per il Comune di Pordenone (AdobeStock | Konstantin Yuganov)

PORDENONE - Nuovo servizio dello Suap (sportello unico per le attività produttive) del Comune di Pordenone che gestisce, in convenzione, anche le pratiche dei Comuni di Fontanafredda e Roveredo in Piano. Da alcuni giorni, infatti, il sistema telematico in uso emette automaticamente una ricevuta protocollata e datata. I professionisti e le imprese conoscono immediatamente gli estremi delle pratiche: data, numero di protocollo ed elaborati allegati. Con questo innovativo sistema l’utente, l’impresa o professionista riceve la comunicazione di avvio della pratica, il termine entro cui verrà evasa e il nome del responsabile del procedimento.

Le ricevute sono di due tipi
Una è riferita all’area ‘aprire attività’ cioè le pratiche commerciali, l’altra al ‘costruire’ che riguarda le pratiche dei vigili del fuoco, i permessi a costruire, l’Aua, (Autorizzazione Unica Ambientale) e altre. In questo ultimo caso, caratterizzato da pratiche più complesse e numerose, il Suap riceve istanze di competenza di altri enti e istituzioni (come i Vigili del Fuoco o la Regione), ma, anche se non gestite direttamente e per completezza di informazioni, nella ricevuta rilasciata sono contenute le indicazioni dei tempi delle singole procedure.

Raccolta dei documenti

Sostanzialmente ci si rivolge ad un unico ufficio e quindi a un unico responsabile del procedimento che raccoglie tutte le documentazioni, anche di altre amministrazione coinvolte. "Abbiamo implementato il sistema con questo ulteriore servizio alle imprese che così conoscono nell’immediato i tempi e i responsabili delle pratiche - commenta l’assessore al Suap, Cristina Amirante - ma registriamo anche un ulteriore risparmio di tempo nella gestione delle pratiche: un segnale della volontà dell’Amministrazione di volere superare le pastoie burocratiche».