21 ottobre 2017
Aggiornato 13:30
Dal 23 febbraio al 2 marzo

Ski Alp: Bolzonello, presentati Mondiali 2017 Alpago-Piancavallo

All'evento sono attesi oltre 300 atleti provenienti da 25 nazioni tra le quali Cina, Giappone, Corea e Stati Uniti

La presentazione dei Mondiali di Ski Alp (© Regione Friuli Venezia Giulia)

PORDENONE - Le montagne dell'Alpago e di Piancavallo ospiteranno dal 23 febbraio al 2 marzo i mondiali di scialpinismo. I dettagli dell'iniziativa sono stati illustrati a Pordenone nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato il vicepresidente della Regione, Sergio Bolzonello, il direttore generale di PromoturismoFvg, Marco Tullio Petrangelo, il presidente del comitato Transcavallo, Diego Svalduz, il responsabile dell'evento, Vittorio Romor, nonché il direttore del polo di Piancavallo, Enzo Sima.
«La Regione - ha affermato Bolzonello - punta molto su questo evento di carattere sportivo per avere un ritorno anche sotto il profilo turistico. Il mondiale di sci alpinismo arriva a pochi giorni di distanza dai campionati del mondo paralimpici svoltisi a Tarvisio. Lo sci, quindi, rappresenta una importantissima pedina nello scacchiere della promozione del nostro territorio».

Attesi oltre 300 atleti provenienti da 25 nazioni
Per il vicepresidente della Regione, è poi di rilevante importanza il fatto che due territori storici che hanno dialogato da tempo tra di loro abbiano lavorato insieme per l'organizzazione di una gara di così alto livello sportivo e agonistico. La presenza mediatica di rilievo, che prevede la ripresa e la trasmissione di alcune gare in diretta internazionale rappresentano poi per Bolzonello «un'opportunità per far conoscere il territorio e gli impianti di Piancavallo tanto dal punto di vista turistico che sportivo».
Dopo Claut e Cuneo, torna quindi in Italia una competizione di altissimo livello sportivo ed agonistico che vedrà lavorare assieme i territori bellunese e pordenonese, entrambi con una lunga tradizione alle spalle nel settore sciistico.
All'evento sono attesi oltre 300 atleti provenienti da 25 nazioni tra le quali Cina, Giappone, Corea e Stati Uniti. Numeri, come hanno spiegato gli organizzatori della gara internazionale, molto importanti e sopra le aspettative, grazie anche al fatto che ora lo scialpinismo è entrato a far parte delle discipline olimpiche.

Molti gli atleti di vertice che hanno già dato la propria adesione
Le gare entreranno nel vivo venerdì 24 febbraio con la Individual race che prevede partenza e arrivo a Tambre ma con un passaggio a Piancavallo. La parte veneta continuerà il giorno successivo con le performance individuali dedicate però alle categorie cadetti e junior, mentre la domenica sarà la volta della Team race, prova che si snoderà lungo un percorso di quasi 20 chilometri e un dislivello di 2.500 metri.
Quindi la carovana si sposterà a Piancavallo dove sono previste altre tre giornate di gara. Martedì 28 è previsto l'inizio delle qualificazioni, quarti di finale e semifinale della prova sprint. Mercoledì 1 marzo invece è in programma la Vertical, gara di sola salita che parte dalla Busa del Sauc e arriva in quota, dopo circa 3 chilometri di percorso e un dislivello di 568 metri, in Val dei Sass.
Molti gli atleti di vertice che hanno già dato la propria adesione alle gare. Tra questi figurano lo spagnolo Kílian Jornet i Burgada, che ha vinto la classifica finale dello Skyrunner World Series in tre edizioni consecutive dal 2007 al 2009 e successivamente dal 2012 al 2014.