23 agosto 2017
Aggiornato 19:30
formazione mirata per 11 laureati

Panariti alla Cgn, progetto Academy positivo per giovani

Due realtà pordenonesi, la Servizi Cgn e la Roncadin di Meduno, stanno seguendo un gruppo di neolaureati in un percorso di tirocinio che presto si trasformerà in assunzione; un progetto per accorciare il gap tra studio e mercato del lavoro

PORDENONE - «È un sistema che funziona e che presto replicheremo anche in altri settori, per dare nuova occupazione ai giovani del Friuli Venezia Giulia». Così l'assessore regionale al Lavoro Loredana Panariti ha commentato il progetto Academy che vede in questo momento protagonisti 11 giovani laureati impegnati in un percorso di formazione mirata in due aziende del Pordenonese. L'esponente della giunta regionale è stata ospite della Servizi Cgn, una delle realtà che, insieme alla Roncadin di Meduno, sta ospitando sei corsisti. Al termine del loro iter, tutti i giovani tirocinanti verranno assunti dalle rispettive aziende dove hanno compiuto l'esperienza formativa.

L'assessore Panariti ha dapprima compiuto una visita all'interno della Cgn di Pordenone, insieme al presidente della realtà locale Giancarlo Broggian. Qui ha potuto vedere da vicino l'ambiente di lavoro e conoscere la filosofia innovativa e motivazionale adottata dall'azienda nei confronti dei propri collaboratori. Successivamente ha incontrato e dialogato con i sei ragazzi che stanno seguendo il progetto Academy proprio all'interno della realtà pordenonese, analizzando insieme a loro l'opportunità offerta.

«Questo percorso di scouting, che vede collaborare la Regione con le realtà produttive del territorio - ha detto Panariti al termine dell'incontro - mi pare molto positivo, perché prevede una formazione mirata sui reali fabbisogni espressi delle aziende che poi assumono i neolaureati. Favorendo questo dialogo concreto con le imprese, che si traduce poi in occupazione, riusciamo a far crescere le aziende stesse, le quali diventano così competitive e creano i presupposti per dare vita a nuova occupazione». Panariti ha inoltre evidenziato come sia necessario «rivolgere lo sguardo più avanti nel tempo, cercando insieme alle imprese e alle università, di progettare le figure lavorative che
serviranno per il futuro»
. Dal canto suo Broggian ha ringraziato la Regione per la realizzazione di questa attività, dimostrando apertura e flessibilità.

Il progetto Academy, finanziato dalla Regione attraverso le provvidenze del Fondo sociale europeo e realizzato attraverso l'Enaip, ha l'obiettivo di accorciare il gap tra studio e mercato del lavoro. L'iniziativa, che ha preso il via a settembre e si concluderà al termine di un tirocinio della durata di 6 mesi, prevede - a completamento - la stipula con i corsisti di un contratto di apprendistato professionalizzante all'interno dell'azienda stessa.

Come emerso nel corso dell'incontro, nella provincia di Pordenone verranno attivati in futuro altri quattro percorsi. Il primo replicherà la stessa esperienza all'interno di Cgn; questa volta, però, i neolaureati coinvolti saranno 12. Il secondo, invece, è indirizzato agli studenti degli istituti tecnici del maniaghese impegnati nel settore del manifatturiero, mentre un altro riguarderà il comparto del mercato delle auto. L'ultimo progetto sarà invece indirizzato ai lavoratori provenienti dalle aziende coinvolte da crisi industriali.