20 agosto 2017
Aggiornato 07:30
Il taglio del nastro

Protezione civile: Panontin, con nuova idrovora Azzano X più sicuro

L'intervento, interamente finanziato con i fondi della Pc regionale per 600 mila euro, è stato realizzato nel terreno adiacente la chiesa di San Bartolomeo, vicino alla stradina di accesso che conduce nel parco Al Pacifico

L'assessore Panontin ad Azzano Decino (© Regione Friuli Venezia Giulia)

AZZANO X - È grazie all'impegno assunto dalla Protezione civile regionale che a Corva è stato possibile inaugurare il completamento dei lavori per l'installazione di un'idrovora con la quale verrà messo in sicurezza l'abitato nella frazione del comune di Azzano Decimo. Alla cerimonia di taglio dei nastro era presente l'assessore regionale Paolo Panontin ed il sindaco del comune pordenonese, Marco Putto. 

L'intervento, interamente finanziato con i fondi della Protezione civile regionale per 600 mila euro, è stato realizzato nel terreno adiacente la chiesa di San Bartolomeo, vicino alla stradina di accesso che conduce nel parco Al Pacifico. In caso di abbondanti precipitazioni e quando la chiavica viene chiusa per tutelare l'abitato, l'acqua sarà convogliata in una vasca interrata e poi spinta dalle pompe idrovore verso il Meduna. La piazza non subirà più allagamenti come in passato perché l'impianto sarà in grado di raccogliere e smaltire anche le acque meteoriche della rete stradale.
Panontin, nel suo intervento, ha ricordato come l'opera si inserisca in un contesto generale di salvaguardia del territorio, «ambito questo - ha detto l'assessore - in cui la Regione sta dedicando molta attenzione. Se, in caso di abbondanti precipitazioni, l'area del pordenonese non va più in sofferenza come in passato, ciò è dovuto a numerosi
interventi come questo, che consentono di mettere in sicurezza il territorio»
.

Panontin ha aggiunto inoltre che per la comunità di Corva «questa era un'opera necessaria, ma non sarà l'unica in comune di Azzano. A breve infatti partirà anche la sistemazione definitiva della chiavica di via Passo, sempre grazie ai fondi della Protezione civile regionale». Infine l'assessore ha ricordato anche lo stato di avanzamento dei lavori della strada che collega Pordenone ad Azzano Decimo, «opere che si resero necessarie a seguito di un'alluvione e che sono in dirittura d'arrivo».
Il sindaco di Azzano Decimo ha messo in evidenza il fatto che questa opera si inserisce all'interno di un più ampio ventaglio di lavori compiuti dal Comune grazie ai fondi che la Regione ha destinato a questa comunità.
«L'idrovora - ha detto Putto - è stata realizzata grazie alla sensibilità dimostrata da Panontin di fronte a un tema molto sentito dalla popolazione che vive in questa zona della città. Con i circa 6 milioni di euro che nell'arco di quasi cinque anni abbiamo ricevuto dalla Regione, si sono potuti realizzare numerosi interventi per la collettività, senza dover accendere mutui. L'ultimo in ordine di tempo - ha ricordato ancora il sindaco - sarà la realizzazione della rotatoria di viale 1. Maggio, del valore di 1,1 milioni di euro».