22 ottobre 2017
Aggiornato 06:30
Fiera di Pordenone

18 mila visitatori: Cucinare fiera gastronomica del Nordest

Toccata quota +30% rispetto al 2016. “Un successo da condividere con espositori, partner, collaboratori e tutta la grande squadra di Cucinare”

18 mila visitatori: Cucinare fiera gastronomica del Nordest (© Cucinare)

PORDENONE - Grande successo per la 5^ edizione di Cucinare, Salone dell’enogastronomia e delle tecnologie per la cucina che si è tenuto alla Fiera di Pordenone da sabato 11 a martedì 14 febbraio. Il numero dei visitatori a fine manifestazione, circa 18 mila, supera del 30% il risultato da record dell’ultima edizione e conferma la crescita di Cucinare, diventato ormai l’evento fieristico di riferimento per il settore a Nordest.

Doppio target
Pienone nei padiglioni nella giornata di sabato e soprattutto domenica ma il flusso di pubblico è stato costante anche lunedì e martedì quando si sono concentrati gli operatori di settore: Cucinare infatti si rivolge a un doppio target di visitatori, appassionati gourmet e ristoratori professionisti.

Grande entusiasmo per gli show cooking delle ultime star in fiera
Hirohiko Shoda, detto Hiro, personaggio televisivo e radiofonico, autore di libri di cucina, consulente e docente in diverse accademie di cucina, che ha presentato a Cucinare due piatti di scuola orientale ma realizzati con ingredienti friulani: ‘Nuvola di Capesante, arrosto di rapa rossa al lampone e fonduta di Montasio’ e ‘Pasta degli innamorati, con succo di rapa rossa, fonduta di Montasio e Prosciutto San Daniele croccante’; Diego Bongiovanni, cuoco da show, molto noto ed amato, è entrato subito in sintonia con il pubblico di Cucinare grazie al carisma, il sorriso e la semplicità ma ha dimostrato anche grande preparazione tecnica in cucina e conoscenza dei prodotti come dimostrano i suoi piatti: ‘Ravioli dal ripieno liquido di pomodoro su purè di basilico’ ‘Spaghetti al nero di seppia, uova di trota e crema di caprino’. Gran finale con lo chef più amato di sempre a Cucinare, Luca Montersino, ospite sold-out di tutte le edizioni della manifestazione. Montersino è l’unico pasticcere italiano che si occupa di pasticceria alternativa e salutistica e ha ribadito anche in fiera la sua teoria: ‘non sono i dolci i nemici della salute ma la qualità degli ingredienti e la scarsa attenzione per valori nutrizionali e calorici’. La sua proposta è una pasticceria salutistica che non significa dietetica o rivolta a persone con problemi di salute, ma principalmente destinata a chi vuole mangiare bene, leggero e naturale, o a chi soffre di intolleranze alimentari.

Grande entusiasmo nello staff
Va in archivio quindi una 5^ edizione di Cucinare che ha suscitato grande entusiasmo nello staff di Pordenone Fiere: «Una manifestazione esaltante perché ha sancito la comunanza di intenti di tutto il territorio: uniti si vince. Tutte insieme le associazioni, le istituzioni, le aziende, le parti sociali e produttive hanno dato il loro meglio per presentare le filiere agroalimentari che sono una delle eccellenze del nostro territorio, fonte di lavoro e di indotto turistico per il nostro territorio – il commento a fine manifestazione di Renato Pujatti presidente di Pordenone Fiere  che continua - Cucinare ha anche il merito di fare educazione alimentare e proprio questo grande impegno nella diffusione della cultura per il cibo, della tutela dell’ambiente e dell’attenzione per la salute è stato condiviso dai nostri partner ed è stato al centro di molti eventi collaterali in programma soprattutto all’interno della speciale sezione Cucinare Green che è stata una tra le più apprezzate dal pubblico».

150 gli espositori
Un momento di entusiasmo che Pujatti vuole condividere anche con i 150 espositori della manifestazione e con i tanti partner e collaboratori che hanno investito: «Ho visto tanti visitatori uscire con la borsa della spesa piena quindi, oltre che una bella vetrina, mi auguro – racconta - che Cucinare abbia anche dato un riscontro immediato a coloro che avevano vendita diretta in fiera. Il grande successo mediatico di Cucinare è merito oltre che della grande partecipazione di espositori, sponsor e partner, anche della carrellata di chef stellati e volti noti della TV che l’evento Stars Cooking ha portato alla Fiera di Pordenone: il merito è di Fabrizio Nonis – sottolinea - e della sua squadra, creatore di questo format e grande coordinatore della macchina organizzativa che ha catalizzato sulle due arene eventi di Pordenone Fiere l’attenzione di un pubblico che ha superato i confini regionali».

Le nuove leve
Tante le collaborazioni prestigiose che affiancano Cucinare, fra queste non bisogna dimenticare che da sempre Cucinare collabora con le principali scuole alberghiere del territorio che partecipano alla realizzazione degli showcooking e di tutte le attività in fiera: a Cucinare 2017 erano presenti gli studenti degli istituti Flora di Pordenone, Ial di Aviano e Stringher di Udine e Linussio di Codroipo. Sono media partner della manifestazione Italia a Tavola, Fuocolento, QB Quantobasta, I Grandi Vini e Sconfinando. Espositori d’eccellenza ospiti di fama internazionale, partner prestigiosi, grande popolarità tra addetti ai lavori e appassionati di cucina: quinta edizione di Cucinare ha consacrato questo evento come punto di riferimento per il business della cucina a Nordest.

Prossimo appuntamento nel calendario di Pordenone Fiere è Ortogiardino dal 4 al 12 marzo 2017.