25 settembre 2017
Aggiornato 13:30
38^edizione di Ortogiardino

Economia: Bolzonello, ottimo coinvolgimento dei privati nella Fiera di Pordenone

La Fiera è una delle più importanti imprese presenti sul territorio; i temi trattati in questo evento espositivo sono centrali nell'economia del territorio, la quale non può più essere considerata senza tener conto del valore del paesaggio, dell'ambiente naturale, degli allestimenti e della cura che l'uomo vi opera

Sergio Bolzonello (Vicepresidente Regione FVG e assessore Attività produttive, Turismo e Cooperazione) all'inaugurazione della trentottesima edizione di Ortogiardino (© Regione Friuli Venezia Giulia)

PORDENONE - Il vicepresidente della Regione, Sergio Bolzonello, ha inaugurato alla Fiera di Pordenone la 38^edizione di Ortogiardino, evento espositivo che sarà aperto fino al 12 marzo, che quest'anno ha per tema 'Lo spettacolo della primavera', e con i suoi trecento espositori, tra vivaisti, floricoltori, rivenditori di allestimenti, attrezzature e materiali per l'orticoltura e il giardinaggio, punta a toccare il record dei 70 mila visitatori.

Bolzonello ha rilevato che la Fiera è una delle più importanti imprese presenti sul territorio e che i temi trattati in questo evento espositivo sono divenuti centrali nell'economia del territorio, la quale non può più essere considerata senza tener conto del valore del paesaggio, dell'ambiente naturale, degli allestimenti e della cura che l'uomo opera sul territorio. Elementi, che divengono attrattivi e concorrono a far divenire attrattivo anche il paesaggio. Rendendolo, quindi, fonte di economia per il territorio.

Il vicepresidente ha poi evidenziato che la Fiera di Pordenone, presieduta da Renato Pujatti, ha imboccato con successo la strada auspicata dalla Regione, coinvolgendo nella gestione anche sponsor privati. I quali a loro volta credono nell'attrattività del quartiere fieristico pordenonese, e nell'indotto che essa produce a vantaggio del territorio.
Il vicepresidente si è altresì detto compiaciuto della sinergia che la Fiera ha sviluppato con il Comune, nell'intento di animare la città in concomitanza con Ortogiardino, e di allargare il bacino di interesse nei confronti dell'evento espositivo. Producendo così un risultato economico diretto nei confronti del capoluogo pordenonese.

L'obiettivo da centrare per assicurare ulteriori benefici all'indotto è fare sì che una porzione sempre più cospicua dei
visitatori della Fiera divengano nel contempo visitatori della città di Pordenone. Ed è proprio questa, ha concluso Bolzonello, una delle sfide che la nuova presidenza della Fiera di Pordenone dovrà vincere.

Ad aprire la cerimonia inaugurale, presente la consigliera regionale, Mara Piccin, era intervenuto il presidente Pujatti.
Egli ha evidenziato che Ortogiardino sarà virtualmente presente nel cuore del capoluogo della Destra Tagliamento anche dopo la chiusura dei battenti dell'evento espositivo, grazie alle attrattive previste sempre a Pordenone, in piazza XX settembre, con il Bosco delle Farfalle, un giardino urbano di 500 metri quadrati: una dimostrazione dell'alleanza, richiamata dall'assessore comunale Pietro Tropeano, tra la Fiera e la città.

A Ortogiardino si potrà ammirare anche la 13^edizione del Festival dei giardini, una selezione di dodici allestimenti
valutati da una giuria tecnica e distribuiti nei padiglioni del quartiere espositivo. Su quest'ultima iniziativa si è poi soffermato Claudio Pasqualini, vicepresidente nazionale dell'Aiap, Associazione italiana architettura del paesaggio, mentre della sinergia fra enti e istituzioni ha parlato Cesare Bertoia, vicepresidente della Camera di commercio.