20 settembre 2017
Aggiornato 23:30
polemiche sulla viabilità

Nuovo ospedale di Pordenone: Giunta, occorre fare chiarezza

La Giunta: "nel permesso di costruire rilasciato dal Comune a dicembre 2015 l'agibilità del nuovo ospedale è subordinata alla realizzazione delle opere di modifica della viabilità urbana comunale attorno al comprensorio ospedaliero; a tal fine è prescritto che l'Aas5 entro tre anni dovrà promuovere e definire un accordo con il Comune, con il quale saranno precisati criteri, modalità e tempist

PORDENONE - «Il piano riguardante la viabilità comunale era inserito, a livello di fattibilità, nel progetto preliminare
del nuovo ospedale, unicamente ai fini dell'inquadramento dell'opera nell'ambito urbano e per lo screening di Via. La
stessa documentazione tecnica per le medesime finalità è stata riproposta anche nel progetto definitivo»
. Lo precisa la Giunta regionale, in risposta alle recenti polemiche relative alla viabilità a servizio del nuovo complesso ospedaliero di Pordenone.

La Giunta ricorda in proposito che «nel permesso di costruire rilasciato dal Comune a dicembre 2015, in coerenza con il decreto regionale in esito allo screening di Via, l'agibilità del nuovo ospedale è subordinata alla realizzazione delle opere di modifica della viabilità urbana comunale attorno al comprensorio ospedaliero; a tal fine è prescritto che l'Azienda per l'Assistenza sanitaria n.5 entro tre anni dovrà promuovere e definire un apposito accordo con il Comune, con il quale saranno precisati criteri, modalità e tempistiche per la definizione degli interventi».

«Sia il posteggio pubblico di via Montereale sia il posteggio sostitutivo di viale Rotto - si evidenzia -  sono stati inseriti
nella convenzione firmata il 6 maggio 2016 fra Comune e Aas5. A giugno 2016 è stato inviato al Comune il progetto del posteggio sostitutivo di viale Rotto per una prima presa d'atto, che è avvenuta con una delibera di Giunta di settembre 2016. Prima dell'avvio dei lavori è stata acquisita dall'Aas5 l'autorizzazione degli uffici comunali alla realizzazione degli stessi, rilasciata senza prescrizioni per quanto riguarda viabilità e accessi»
.

«L'AAS5, in accordo con la Giunta regionale, si è fatta carico di convocare a breve un incontro tra Regione e Comune per definire tutti gli aspetti necessari per affrontare i temi della viabilità».