24 ottobre 2017
Aggiornato 06:00
intervento tempestivo

Protezione Civile, 2mln per superare l'emergenza acqua a Pordenone

La cifra č stata assegnata alla Consulta d'Ambito Territoriale Ottimale occidentale per intervenire efficacemente nella risoluzione del problema. Il termine per l'ultimazione dei lavori č stato fissato al 31 dicembre 2018

PORDENONE - La Regione, attraverso i fondi della Protezione civile, ha stanziato 2 milioni di euro per superare
l'emergenza creatasi a Pordenone legata alla presenza dei metaboliti dell'atrazina nelle fonti di approvvigionamento
idrico. Con un decreto a firma dell'assessore delegato alla Protezione civile Paolo Panontin, la cifra è stata assegnata alla Consulta d'Ambito Territoriale Ottimale occidentale per intervenire efficacemente e tempestivamente nella risoluzione del problema.

La scelta di operare in questo senso fa seguito ad alcuni monitoraggi condotti dalla Direzione salute, di concerto con
l'Arpa. Le rilevazioni hanno evidenziato infatti la presenza di metaboliti (in particolare dell'atrazina) nelle fonti del
territorio pordenonese, al punto da compromettere la qualità dell'acqua destinata al consumo umano.

«Il rischio che si prospettava - spiega Panontin - era quello di non avere più a disposizione acqua potabile per oltre 40 mila abitanti e dover fare ricorso alle autocisterne. Per ovviare a quella che si è presentata come una vera e propria emergenza, si è quindi reso necessario un intervento urgente che prevede la realizzazione di un nuovo impianto di filtri a carbone attivo e di due nuovi pozzi, uno nella rete nord e l'altro in quella sud. La Consulta d'Ato, come consorzio di enti locali, ha già normalmente la titolarità del Servizio idrico integrato e risulta quindi essere il soggetto più idoneo alla risoluzione delle criticità presenti a Pordenone».

Il termine per l'ultimazione dei lavori è stato fissato al 31 dicembre 2018.