20 agosto 2017
Aggiornato 07:30
pordenone calcio

Capitan Stefani e compagni tornano in classe per "Progetto scuole" che coinvolge 600 alunni

Il gioco al centro, punto di incontro tra calcio e scuola; sono queste le linee guida che il Pordenone Calcio sta realizzando negli istituti del territorio

Capitan Stefani e compagni tornano in classe per "Progetto scuole" che coinvolge 600 alunni (© Pordenone Calcio)

PORDENONE - Il gioco al centro, punto di incontro tra calcio e scuola. Queste le linee guida del 'Progetto Scuole' che il Pordenone Calcio sta realizzando negli istituti del territorio, in collaborazione con Crédit Agricole FriulAdria. Un progetto che vedrà coinvolti oltre 600 alunni. Nella prima fase gli istruttori neroverdi hanno proposto l'attività all’Istituto Comprensivo Pordenone Sud, attualmente sono presenti all’Istituto Comprensivo Pordenone Centro. L’appuntamento conclusivo è alla scuola primaria Rosmini di Villanova: una delegazione della squadra, guidata da capitan Stefani, incontrerà i ragazzi dell’istituto, dalle prime alle quinte.

Istruttori neroverdi
Qualificati istruttori della Scuola Calcio neroverde, coordinati da Antonio Borriello, preparatore atletico del Settore giovanile, stanno operando in una trentina di classi, per un programma totale di 120 ore (4 per classe). «Proponiamo quattro interventi ludico-motori per ogni classe, di avviamento al gioco del calcio, di promozione di corretti stili di vita e di valorizzazione dei principi dell'etica sportiva», spiega il responsabile della Scuola Calcio Alessandro Zuttion. «Fondamentale - aggiunge - la collaborazione con gli insegnanti, grazie a cui riusciamo a costruire con tutti i bambini - attraverso il gioco - delle forme di cooperazione utili non solo nel contesto sportivo e scolastico, ma anche nella quotidianità».