18 agosto 2017
Aggiornato 12:30
#forumPaPuglia a Bari

Agenda Digitale: plauso di Agid al lavoro della Commissione AD

Tra le prime azioni figureranno gli interventi infrastrutturali e di connettivitą sui servizi e sulle piattaforme applicative, le iniziative dedicate alla formazione degli operatori ma soprattutto l'attuazione dei progetti per la riduzione del divario digitale ancora presente in diverse realtą del Paese

Antonio Samaritani, Paolo Panontin, Loredana Capone e Simone Puksic alla riunione della Commissione Agenda Digitale al Forum PA Puglia (© Regione Friuli Venezia Giulia)

PORDENONE - Passare dalla pianificazione dei progetti alla loro attuazione pratica, attraverso una serie di strumenti che la Commissione per l'Agenda digitale dovrà attuare allo scopo di dare avvio all'attività in un settore sempre più strategico per la pubblica amministrazione.
È stato questo il tema principale di confronto analizzato nel corso della seduta della Commissione speciale per l'Agenda digitale ospitata eccezionalmente nella cornice del #forumPaPuglia a Bari e al quale ha partecipato anche l'assessore regionale ai Sistemi informativi e coordinatore della Commissione Paolo Panontin. Alla seduta di Commissione ha preso parte anche Antonio Samaritani, direttore dell'agenzia governativa Agid che ha il compito di garantire la realizzazione degli obiettivi dell'Agenda digitale italiana e contribuire alla diffusione dell'utilizzo delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione.

«Con il direttore di Agid - ha spiegato Panontin al termine dell'incontro - abbiamo sancito la fine del percorso di condivisione sul Piano Triennale ICT della PA, cui dovrà fare seguito l'inizio della fase attuativa; tra un paio di settimane il piano triennale dovrebbe infatti essere operativo. Ora che le
nostre istanze sono state accolte, ci siamo ripromessi di individuare momenti di confronto stabile tra Agid e Commissione AD per seguire passo dopo passo l'attuazione dei programmi del Governo»
. Tra le prime azioni figureranno gli interventi infrastrutturali e di connettività sui servizi e sulle
piattaforme applicative, le iniziative dedicate alla formazione degli operatori ma soprattutto l'attuazione dei progetti per la riduzione del divario digitale ancora presente in diverse realtà del nostro Paese.

Il direttore di Agid ha riconosciuto il ruolo strategico svolto dalla Commissione Agenda Digitale «quale interlocutore unico, in grado di fare sintesi - ha detto Panontin - tra le molteplici istanze territoriali e locali provenienti dalle pubbliche amministrazioni, sapendole allineare alle strategie di livello
più alto definite dall'esecutivo nazionale»
. Presente all'incontro anche il presidente di Insiel Simone Puksic, in veste di delegato Assinter Italia, il quale ha proposto e ha visto accogliere dalla Commissione la richiesta di inserire le società in house regionali tra gli attori strategici individuati
dal Piano operativo.