13 dicembre 2017
Aggiornato 09:30
concorso 'recuperare più europa'

Giovani: premi Irse a Pordenone stimolano sentimenti europeisti

Panontin: "I premi puntavano a rinnovare il convincimento che stare insieme nell'Unione europea è un fattore di crescita per tutti". Alla Commissione esaminatrice sono pervenuti 521 partecipazioni dall'Italia e dall'estero

Panontin: "I premi puntavano a rinnovare il convincimento che stare insieme nell'Unione europea è un fattore di crescita per tutti" (© Regione Friuli Venezia Giulia)

PORDENONE - «Irse e Centro culturale Casa Zanussi sono istituzioni che diffondono cultura sul territorio pordenonese da decenni e che anche in occasione del concorso 'Europa e Giovani 2017' hanno avuto il merito di far crescere nella popolazione più giovane un sentimento europeista, rispetto al quale in questo momento soffia un vento di contrarietà». Lo ha detto l'assessore regionale alle Autonomie locali e al Coordinamento delle Riforme Paolo Panontin prendendo parte alla Casa dello Studente di Pordenone alla cerimonia di premiazione del concorso organizzato dall'Istituto regionale di
studi europei Friuli Venezia Giulia intitolato 'Recuperare più Europa', concorso di cui la Regione è uno dei sostenitori.

«I premi - ha osservato Panontin - puntavano a rinnovare il convincimento che stare insieme nell'Unione europea è un fattore di crescita per tutti». L'assessore regionale ha ricordato che «solo settant'anni fa in Europa combattevamo e solo nell'89 è caduto il confine che tagliava a metà il Continente; ciò ha significato l'apertura dei mercati e il passaggio da un'economia angusta e senza grandi margini di sviluppo alle relazioni profonde e agli scambi commerciali di oggi».

Alla Commissione esaminatrice sono pervenuti ben 521 partecipazioni da atenei italiani e stranieri, da licei e istituti tecnici e da scuole primarie e secondarie di primo grado. Tra gli oltre quaranta riconoscimenti, sei sono stati i premi speciali per studenti universitari, del valore di 400 euro
l'uno. Sono toccati a Gloria Pilutti, di Ronchis, che ha elaborato spunti di Papa Francesco e Claudio Magris sulla 'famiglia Europa', Lorenzo Maestripieri, di Roma, autore di uno scritto sugli 'artigiani del web', Ludovica Vacri, di Milano, che si è occupata degli effetti benefici prodotti dall'uso dei droni,
Arianna Maria Grisostolo, di Maniago, che ha approfondito il tema della Brexit, Alessandro Venti, di Pordenone, che ha riflettuto sul modello economico di Anthony Atkinson, e Francesca Dainese, di Albignasego (Pd), il cui elaborato tratta la vocazione alla libertà in Bjorn Larsson.