21 ottobre 2018
Aggiornato 05:00

Casalinga arrestata: coltivava cannabis in casa

Il vivaio casalingo disponeva di molte attrezzature specifiche per la coltivazione indoor della cannabis, quali lampade per l'accrescimento delle piante, un sistema di termoregolazione e apparati per la ventilazione e l'umidificazione dell'aria
Casalinga arrestata: coltivava cannabis in casa
Casalinga arrestata: coltivava cannabis in casa (Adobe Stock)

PORDENONE - Casalinga, all'apparenza. Coltivatrice di cannabis di fatto. A scoprire l'attività della donna, nella sua abitazione di Budoia, il nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza di Pordenone, durante alcune indagini per il contrasto allo spaccio di stupefacenti. La signora si era dotata di un impianto ben attrezzato per una produzione di qualità.

Il sofisticato impianto di coltivazione era all'interno di una villetta privata
Durante la perquisizione domiciliare sono stati rinvenuti 50 chili di cannabis, in parte ancora in coltura (circa 70 piante) e in parte già trasformata in marijuana pronta per il successivo commercio, nonché - come chiarisce l'Ansa - 60 semi della stessa pianta non ancora messi a coltura. Il vivaio casalingo disponeva di molte attrezzature specifiche per la coltivazione indoor della cannabis, quali lampade per l'accrescimento delle piante, un sistema di termoregolazione e apparati per la ventilazione e l'umidificazione dell'aria. La donna, una spagnola di origini colombiane, è stata arrestata.