22 ottobre 2018
Aggiornato 17:30

Piccin, riforma Uti, non si sfalciano i cigli stradali

La consigliera forzista porta sul piano regionale l'appello lanciato dal sindaco di Morsano al Tagliamento: "L'erba infatti non è mai stata così alta come quest'anno e questo crea anche delle situazioni di pericolo soprattutto in prossimità degli incroci"
Piccin, riforma Uti, non si sfalciano i cigli stradali
Piccin, riforma Uti, non si sfalciano i cigli stradali (Regione Friuli Venezia Giulia)

PORDENONE - «Le nefaste conseguenze della riforma delle Uti si fanno sentire anche lungo le strade. L'erba infatti non è mai stata così alta come quest'anno, tanto che a inizio luglio non è ancora stato fatto il primo sfalcio, che di solito avveniva in primavera. E' una situazione nella quale si trovano diversi Comuni e che crea anche delle situazioni di pericolo soprattutto in prossimità degli incroci». A portare sul piano regionale l'appello lanciato dal sindaco di Morsano al Tagliamento è Mara Piccin, consigliera regionale di Forza Italia.

 

«Non dipende certo dalla volontà amministrativa dei Comuni questo ritardo dell'intervento lungo i cigli stradali del pordenonese - conviene la consigliera azzurra - che invece è figlio dell'abolizione delle Province e della riforma delle Uti che proprio non accenna a funzionare, dove il rimpallo di competenze e di risorse a bilancio per le strade ex provinciali sembra non avere fine».

La consigliera forzista conclude: «In questi mesi ho sollecitato più volte e in tutte le forme possibili un intervento della giunta regionale, ma siamo ancora a questa situazione. Se a breve non vi sarà una risoluzione sarò costretta a depositare una ulteriore interrogazione a risposta immediata».