16 ottobre 2018
Aggiornato 15:30

Bolzonello, importante il ruolo del Tiro a segno di Pordenone

Negli ultimi anni grazie ai risultati degli atleti che ne fatto parte, la società pordenonese si è collocata tra il tredicesimo e il quattordicesimo posto a livello nazionale, rispetto alle centinaia esistenti nel nostro Paese
Bolzonello, importante il ruolo del Tiro a segno di Pordenone
Bolzonello, importante il ruolo del Tiro a segno di Pordenone (Adobe Stock)

PORDENONE - Il vicepresidente della Regione, Sergio Bolzonello, ha visitato a Pordenone il Tiro a segno nazionale, che ospita uno dei sodalizi per i tiratori specializzati nella pistola e nella carabina tra i più medagliati d'Italia. Negli ultimi anni, infatti, grazie ai risultati degli atleti che ne fatto parte, la società pordenonese si è collocata tra il tredicesimo e il quattordicesimo posto a livello nazionale, rispetto alle centinaia esistenti nel nostro Paese.

Accolto da Nicolò Campriani, campione di tiro rapido e istruttore, e dai dirigenti, Bolzonello, che ha pure incontrato alcuni altri atleti e atlete in fase di allenamento, ha preso visione della struttura e ha rivolto parole di apprezzamento per l'attività della sezione di Pordenone dell'Unione italiana Tiro a segno che vi è ospitata, la quale vanta risultati in ambito nazionale, conseguiti in diverse categorie e specialità.

La società pordenonese del tiro a segno conta oltre settecento iscritti. Un numero elevato di appassionati e appassionate che, in particolare nelle giornate nelle quali vengono ospitate le competizioni di carattere regionale, non riescono a fruire della struttura, la quale è composta da stand dedicati al tiro da 10 a 50 metri.
Struttura, che negli anni si è sviluppata ed è stata adeguata alle norme di sicurezza, grazie all'impegno volontaristico dei soci. Nel Friuli Venezia Giulia vi sono altri quattro poligoni riconosciuti dall'Unione italiana tiro a segno come quello di Pordenone: a Cividale, Tolmezzo, Udine, Trieste.