16 ottobre 2018
Aggiornato 22:00

Estate in città: laboratori per bambini, mito del pop, cena in contrada, libro, serata tra musica bel canto e moda

Gli appuntamenti della giornata: alle 17 Laboratorio per bambini 'D’estate facciamo... con Pilar' e 'Il mito del Pop', percorso guidato; alle 18 'Eppure cadiamo felici' presentazione libro; alle 19.30 Cena in contrada; alle 20.45 Concerto corale e infine alle 21 'Destini intrecciati' note e trame
Estate in città: laboratori per bambini, mito del pop, cena in contrada, libro, serata tra musica bel canto e moda
Estate in città: laboratori per bambini, mito del pop, cena in contrada, libro, serata tra musica bel canto e moda (Estate in città)

PORDENONE - Venerdì 7 luglio per l’Estate in Città alle 17 prende il via il ciclo di laboratori creativi per bambini nei parchi cittadini. Appuntamento alle 17 nel parco di San Valentino. Prosegue in Galleria Pizzinato la mostra dedicata al mito del Pop e ai suoi percorsi italiani,ricca antologica con opere di 28 artisti e artiste tra cui Rotella, Angeli, Festa, Schifano, Fioroni, Tacchi, Lombardo, Turcato, Mauri - per raccontare in oltre 60 opere una stagione artistica, che ha visto tra i suoi protagonisti anche Ettore Innocente, rom,ano di nascita, ma cordenonese di origine. Alle 17 di venerdì 7 luglio è in programma un percorso guidato gratuito a cura di Amici di Parco.

Appuntamento in biblioteca
Venerdì 7 luglio alle 18 in Biblioteca civica per l’estate in Città Enrico Galiano e i suoi studenti raccontano attraverso canzoni e brevi momenti teatrali l'ultimo romanzo dello scrittore pordenonese, Eppure cadiamo felici (Garzanti). Attraverso tutti gli echi e i rimandi contenuti nel libro, tra Apuleio e Katy Perry, tra i Pink Floyd e Rilke, faremo un viaggio dentro la meravigliosa intraducibilità degli adolescenti. Enrico Galiano insegna lettere ed è stato inserito da Masterprof.it nella lista dei migliori cento professori d’Italia. Grazie al suo modo non convenzionale di insegnare, in breve tempo è diventato anche un vero fenomeno della rete: ogni giorno i suoi post su Facebook e i suoi video della web serie dal titolo 'Cose da prof' raggiungono milioni di visualizzazioni.

Una cena a lume di candela
Venerdì 7 luglio alle 19.30 per iniziativa di 'Sei di Pordenone se…' nell’ambito dell’Estate in Città si cena a lume di candela tra i portici e i palazzi di Contrada Maggiore, a partire dalla Loggia del Municipio salendo lungo il corso, con le tavole vestite dei colori di Pordenone. Si gusterà un menù completo e raffinato, a partire dall’aperitivo, proseguendo con antipasto, primo, secondo, dolce, acqua e vino, terminando col caffè offerto da Il Caffè Municipio. Il menù - preparato da e con alcune eccellenze dei nostri territori ed in particolare dall’Antica Osteria Il Favri di Rauscedo e dalla Pasticceria Diana utilizzando anche l’ormai noto Zafferano di San Quirino - prevede anche varianti Gluten Free e Vegan. I tavoli verranno quest’anno denominati con un nome di un palazzo o luogo storico di Pordenone, ed i partecipanti troveranno sugli stessi anche una breve descrizione In un’apposita Area Bimbi (fino a 12 anni di età) in Piazzetta Calderari anche i più piccoli - seguiti da Animatori e tra gonfiabili, truccabimbi - potranno gustarsi in tranquillità ad un prezzo speciale un menù apposito a base di pizza, patatine, bibite e gelato. La serata sarà a favore dell’Associazione Il Nostro Pane Quotidiano.

Concerto corale
Venerdì 7 luglio alle 20.45 nel Convento di San Francesco per l’Estate in Città si terrà un concerto corale con il Coro Lis Muris di Venzone e Coro Ana Montecavallo. Il Coro A.N.A. Montecavallo è il coro della sezione A.N.A. di Pordenone. Partecipa a numerose rassegne corali sia in Italia che all’estero, portando la propria voce in Europa ma anche oltre Oceano cantando in Brasile e in Canada. Dal 1993 il coro organizza a Pordenone la Rassegna di Canto Popolare 'La più bela Fameja' e la Rassegna 'Natale Alpino', ha realizzato la sigla del programma 'Piacere RAI Uno'. Dalla sua costituzione fino al marzo 2008 il Coro è stato diretto dal M° Alessandro Pisano e dal 2009, dopo un breve periodo di transizione sotto la guida del compianto M° Giuseppe Mirolo il Coro Montecavallo è diretto dal M° Roberto Cescut. La formazione è iscritta all’Usci del Friuli Venezia Giulia e partecipa attivamente a numerose iniziative sul territorio. Il Coro 'Li Muris' di Venzone è stato fondato nell’ anno 1977, con l’intento di proseguire una tradizione corale già viva e sentita nel paese. Prende il nome dall’antica cerchia muraria medievale, che racchiude completamente il centro storico di Venzone, ricostruito in maniera esemplare dopo il terremoto del 1976. Formato da una quindicina di persone, dal 2003 il Coro 'Li Muris' si dedica ad un repertorio di musica rinascimentale ed ha avuto modo di esibirsi in Austria, Germania, Spagna ed in molte manifestazioni regionali e locali. Dal 1999 il Coro 'Li Muris' è diretto dal maestro Sergio Vuerich. In programma musiche popolari e di tradizione alpina.

Arie liriche e creazioni di atelier
Una serata di Destini Intrecciati, tra note e trame, è quella proposta venerdì 7 luglio alle 21 nell'area verde del castello di Torre a Pordenone dall'associazione Il Castello, con adesione di Carta di Pordenone, il cui ricavato andrà a favore dell’Associazione la Biblioteca di Sara. Sulla scena si alterneranno infatti diversi talenti femminili, tra arie liriche e originali creazioni di Atelier. Protagonista per il bel canto sarò la soprano Silvana Froli, artista internazionale, che proporrà, accompagnata al pianoforte da Martina Petrafesa e da Sara Tomei al flauto le più belle ed emozionanti arie di Puccini (tra arie da salotto e arie tratte da Manon Lescaut, Gianni Schicchi, Bohème e Madama Butterfly) e un’aria di Catalani (dalla Wally). Ad alternarsi in quattro quadri e quattro colori, con la narrazione di Clelia Delponte, le creazioni sartoriali di Toti Fazion. Silvana Froli ha studiato con Katia Ricciarelli, Paolo Washinton e Susanna Rigacci e cantato nei più prestigiosi teatri del mondo. Ha interpretato Mimì, Tosca, Butterfly, Santuzza, Turandot, Isabeau, Leonora nel 'Trovatore', Elisabetta nel 'Don Carlo', Amelia ne 'Un Ballo in maschera', Aida, Silvia in 'Zanetto', Maddalena di Coigny in 'Andrea Chenier'. Martina Petrafesa, perfezionata in pianoforte e corno con maestri di fama, è entrata a far parte dell’Orchestra Nazionale dei Conservatori, dell’Orchestra 'Verdi' di Trieste, della Mitteleuropa Orchestra. Laureata in Didattica della Musica insegna in molte scuole della provincia di Pordenone. Sara Tomei Figlia d’arte, suona spesso in trio con il padre Marco Tomei (pianista) e la madre Silvana Froli (soprano), esibendosi in Italia e all'estero. È primo flauto in New Tuscany Orchestra. Dal 2015 è docente di flauto all'Istituto musicale Baralli di Lucca e per la Filarmonica Giacomo Puccini. Maria Antonia Fazion, detta Toti perché fin da piccola si è dedicata al bel canto, è anche una creativa ed esperta artigiana, appassionata del suo lavoro e sempre alla ricerca di forme e contenuti nuovi da trasformare in oggetti da indossare. Con il marchio artigianale Toti Faion, crea abiti fatti a mano e su misura. Ingresso gratuito.