14 dicembre 2017
Aggiornato 03:30
questione accoglienza

Piccin, la burocrazia impedisce l'impiego degli immigrati per i lavori utili

In occasione di approvazione della legge di assestamento di bilancio la Giunta Serracchiani ha accolto un ordine del giorno che la impegnava ad agevolare l'utilizzo dei richiedenti asilo nello sfalcio delle erbacce che invadono i cigli delle strade ex provinciali

Piccin, la burocrazia impedisce l'impiego degli immigrati per i lavori utili (© Regione Friuli Venezia Giulia)

SAN VITO AL TAGLIAMENTO - «Non è ammissibile che la burocrazia impedisca di poter impiegare gli immigrati in attività utili per la collettività». Questo il commento di Mara Piccin, consigliera regionale di Forza Italia, alla notizia che a San Vito decine di richiedenti asilo non potevano svolgere mansioni a beneficio della comunità per problematiche inerenti i tutor.

 

In occasione di approvazione della legge di assestamento di bilancio - continua la consigliera forzista - la Giunta Serracchiani ha accolto un ordine del giorno, presentato da Forza Italia, che la impegnava ad agevolare l'utilizzo dei richiedenti asilo nello sfalcio delle erbacce che invadono i cigli delle strade ex provinciali. L'Esecutivo regionale dovrà muoversi al più presto o l'impegno rischia di rimanere lettera morta. In assestamento di bilancio - conclude la Piccin - la Giunta regionale ha impegnato 100 mila euro per far giocare a calcio i richiedenti protezione internazionale e per far fare loro corsi di insegnamento dei mestieri. Fargli tagliare l'erba sarebbe gratis e magari quelle risorse sarebbero potute andare a beneficio dei disoccupati regionali.