20 agosto 2017
Aggiornato 07:30
lunedì 7 agosto

FestInVal a Tramonti di Sotto: Tamar sotto le stelle, canti e danze attorno al fuoco nel borgo abbandonato

Gli appuntamenti della giornata: stage di canto di canti veneti e friulani; Tamar sotto le stelle; cantintavola, pastasciutta per tutti; danze attorno al fuoco con musica di Cuncordias, Tre martelli, Jasper; Osservazione delle stelle e racconti

FestInVal a Tramonti di Sotto: Tamar sotto le stelle, canti e danze attorno al fuoco nel borgo abbandonato (© FESTinVAL)

TRAMONTI DI SOTTO - Tradizionale conclusione a Tamar per il Festinval lunedì 7 agosto. L’escursione guidata agli antichi borghi e ai luoghi d’acqua alla ricerca delle Agane al borgo abbandonato partirà alle 11 accompagnata dalle voci del Duo D’altrocanto. Per chi rimane a Tramonti di Sotto sono in programma alle 10 il laboratorio di costruzione delle launeddas, il tipico strumento a fiato sardo e alle 12 canti e veneti friulani. La festa a Tamar, raggiungibile solo a piedi, comincerà alle 18 con i cantintavola, pastasciutta per tutti offerta dalla Pro loco, osservazione delle stelle e racconti mitologici. Danze a canti attorno al fuoco con i gruppi Cuncordias, Tre Martelli e Jasper. Il Duo D’Altrocanto è composto da Elida Bellon e Giulia Prete, interpreti ad ampio raggio il cui repertorio spazia dai canti nordici francesi, bretoni, scozzesi, gallesi, corsi, occitani, spagnoli, balanici, greci e italiani. La loro raffinata esecuzione è il frutto di una ricerca attenta e della cura nell’arrangiamento e nell’armonizzazione dei canti. Lo storico gruppo piemontese dei Tre Martelli festeggia i quarant’anni di attività, In tutti questi anni i Tre Martelli hanno ricostruito l’eredità musicale del triangolo geografico tra le colline del Monferrato, le alture delle Langhe e la pianura alessandrina, con qualche estensione alle aree del Canavese e delle Quattro Province. Oggi sono considerati un punto di riferimento per le tradizioni musicali del Piemonte, grazie al loro ricco repertorio di ballate, canzoni rituali, melodie strumentali e balli tradizionali come sbrando, monferrina, curenta, burea, scottish, mazurka, valzer, polka e molti altri. Il gruppo Cuncordias - Orlando Mascia, launeddas, organetto, benas, sulittu ‘e canna, trunfa, organetto diatonico, canna sperràda, chitarra; Eliseo Mascia, launeddas, sulittu, trunfa, tamburello, percussioni; Elisa Marongiu, voce – è specificamente votato al recupero del ballo sardo in piazza, quale veicolo d’aggregazione culturale, attualizzando la tradizione isolana più arcaica, attualizzandola. Jasper Stewart suona l’organetto sia come solista che in formazioni folk.