20 agosto 2017
Aggiornato 07:30
mercoledì 9 agosto alle 20.45

"Nei suoni dei luoghi": la pianista Irina Vaterl e il suo intrigante percorso musicale a cavallo di tre secoli

Primo concerto in provincia di Pordenone per il Festival. L'appuntamento, a ingresso libero e accessibile, è al Castello di Valvasone Arzene

"Nei suoni dei luoghi": la pianista Irina Vaterl e il suo intrigante percorso musicale a cavallo di tre secoli (© Irina Vaterl)

VALVASONE ARZENE - Primo concerto in provincia di Pordenone per il Festival 'Nei Suoni dei Luoghi', organizzato dall'Associazione Progetto Musica con il contributo della Regione Fvg, la sponsorizzazione delle Bcc del Fvg e il sostegno della Fondazione CRTrieste, della Fondazione Friuli e dei Comuni partecipanti. L'appuntamento, a ingresso libero e accessibile, è al Castello di Valvasone Arzene (in caso di maltempo ci si sposta al Duomo del Santissimo Corpo di Cristo in piazza Libertà) mercoledì 9 agosto alle 20.45 con l'intrigante percorso musicale proposto dalla pianista Irina Vaterl, classe 1991, con un'intensa attività concertistica come solista e camerista in Austria, Italia, Cipro, Repubblica Ceca, Ungheria, Slovenia, Serbia, Croazia, Gran Bretagna, Svizzera, Liechtenstein, Norvegia, Spagna, Francia, Germania. 

Visita al Castello
Dalle 19.15 sarà possibile visitare gratuitamente il Castello con i volontari dell’associazione 'A Spasso per il Borgo' che aspettano per svelare le sue bellezze e curiosità! Visite su prenotazione fino ad esaurimento posti. Per informazioni e prenotazioni: A Spasso per il Borgo, Via Erasmo 1, Valvasone Arzene, 0434 898898, 349 2266995, info.valvasone@gmail.com. Dopo il concerto verrà offerta una degustazione di prodotti tipici locali. 

Programma del concerto
Il programma del concerto, che fa parte del mini circuito 'Cercando Mozart' novità 2017 del Festival, prende le mosse dalla geniale vena creativa di Domenico Scarlatti (con Sonate K.1, K.466, K.386) e da quella straordinaria sintesi di linguaggi diversi che chiamiamo Stile classico, per costruire un percorso che ripropone simmetricamente Settecento-Ottocento-Novecento in entrambe le parti del concerto. Ecco quindi l'ampio respiro di quelle Variations Serieuses di Mendelssohn pubblicate per finanziare il monumento a Beethoven della città di Bonn, la straordinaria stagione intimista dell'ultimo Brahms con Klavierstücke op.118, la classicità distillata della Sonatina di Ravel e la vena più immediata del cubano Lecuona con Suite Española.

La pianista Irina Vaterl
Irina Vaterl nasce a Graz e all’età di sette anni comincia lo studio del pianoforte. Dopo aver conseguito con lode la maturità, si laurea con lode all’Università delle Arti della sua città sotto la guida della Prof.ssa Milana Chernyavska. La sua tesi di laurea sulla compositrice francese Louise Farrenc viene inoltre riconosciuta tra le migliori tra tutte quelle presentate a Graz nello stesso anno accademico. Nel 2014 vince una borsa di studio offerta dalla fondazione 'Hildegard Maschmann' ai migliori studenti di pianoforte dell’Austria. Nel gennaio 2015 le viene assegnato il 'Living Culture Award', un premio culturale organizzato dal periodico austriaco 'Living Culture'. Si laurea inoltre in flauto, pedagogia del flauto e, con lode, in pedagogia del pianoforte. Attualmente studia all’Accademia Musicale di Zagabria nella classe del Prof. Ruben Dalibaltayan. Irina Vaterl è vincitrice di numerosi concorsi nazionali ed internazionali. 

Prossimo appuntamento
Prossimo appuntamento di Nei Suoni dei Luoghi a San Lorenzo Isontino venerdì 11 agosto alle 20.45. L'Azienda agricola Lis Neris ospiterà il pianista Mattia Groppello. In caso di maltempo il concerto si terrà nella Chiesa di San Lorenzo Martire.