20 novembre 2017
Aggiornato 22:00
taglio del nastro

Bolzonello, la quarta sala di Cinemazero è una continuità di progetto

Il vicepresidente della Regione ha ripercorso la genesi e la fase progettuale della quarta sala descrivendo la prosecuzione di una sfida culturale i cui esiti sono riconosciuti a livello internazionale

Sergio Bolzonello (Vicepresidente Regione FVG e assessore Attività produttive, Turismo e Cooperazione) all'inaugurazione della quarta sala di Cinemazero (© Regione Friuli Venezia Giulia)

PORDENONE - «L'inaugurazione della quarta sala di Cinemazero rappresenta una scommessa vinta e ha il grande significato di segnare la continuità di un progetto, con i giovani dell'associazione impegnati a dare un futuro a questa casa del cinema e della cultura». Lo ha affermato il vicepresidente della Regione e assessore alla Attività produttive e al Turismo Sergio Bolzonello al taglio del nastro della quarta sala della prestigiosa istituzione cinematografica di Pordenone. «Cinemazero da tanto tempo fa cultura e rappresenta uno straordinario snodo sociale; qui si costruiscono comunità e sapere - ha detto Bolzonello -. Il fatto che l'associazione sia in buone mani, fa allargare il cuore e fa dire grazie».

Il vicepresidente della Regione ha ripercorso la genesi e la fase progettuale della quarta sala, chiamando sul palco, accanto al presidente Roberto Cinelli e alle nuove leve Riccardo Costantini e Marco Fortunato, Piero Colussi, figura chiave della storia di Cinemazero, in modo da rappresentare in maniera plastica la prosecuzione di una sfida culturale i cui esiti sono riconosciuti a livello internazionale. «Cinemazero, per chi la ama, è la sua casa ha rilevato Cinelli -. Confidiamo che, come avviene in tutte le belle case, verrete spesso a godervi le nostre iniziative e i nostri film». «È un grande privilegio per noi - ha rilevato l'assessore comunale alla Cultura Pietro Tropeano - il fatto che, oltre a essere capitale del libro, Pordenone sia anche capitale del cinema, della filmografia e della cultura cinematografica».

Per il completamento della quarta sala si è lavorato a marce forzate e ora mancano solo gli ultimi dettagli. Il taglio del nastro è stato festeggiato con un'esecuzione della Zero Orchestra su una pellicola di Charlie Chaplin e con la proiezione in sala de 'L'ordine delle cose', il film appena presentato alla Mostra internazionale del cinema di Venezia, con il regista Andrea Segre intervistato da Costantini.
Videomessaggi di felicitazione per l'apertura della quarta sala di Cinemazero, sodalizio che l'anno prossimo compirà quarant'anni, sono stati inviati da Ivan Cotroneo, Lino Guanciale, Roberto Andò, Andrea Magnani, Francesco Bruni, Ludovica Comello ed Enrico Magrelli.
In sala era presente, tra le altre autorità, il consigliere regionale Renzo Liva, presidente della I Commissione dell'Assemblea del Friuli Venezia Giulia.