20 novembre 2017
Aggiornato 22:00
economia

Bolzonello, ripresa e occupazione Fvg si consolidano

I dati del terziario del secondo trimestre 2017 in Friuli Venezia sono molto positivi e consolidano la ripresa in un contesto in cui il dato generale degli occupati in regione torna ai livelli del 2011, sopra quota mezzo milione. Un ruolo trainante è svolto dal turismo

Sergio Bolzonello (Vicepresidente Regione FVG e assessore Attività produttive, Turismo e Cooperazione) alla presentazione dell'indagine sul terziario nel secondo trimestre 2017 in FVG (© Foto Massimo Duca)

PORDENONE - «I dati del terziario del secondo trimestre 2017 in Friuli Venezia sono molto positivi rispetto ai precedenti e consolidano la ripresa in un contesto in cui il dato generale degli occupati in regione torna finalmente ai livelli del 2011, sopra quota mezzo milione». È la valutazione fatta a Pordenone dal vicepresidente del Friuli Venezia Giulia, Sergio Bolzonello, nel corso del suo intervento alla presentazione dell'indagine congiunturale sul secondo trimestre commissionata a Format Research da Confcommercio Fvg.

«Un ruolo trainante è svolto dal turismo che sarà uno dei grandi magneti del futuro», ha osservato Bolzonello, spiegando che «in futuro l'occupazione verrà maggiormente dal settore primario e dai servizi, con un manifatturiero legato all'industria 4.0 altamente tecnologico e qualificato ma capace di un minore apporto in termini di posti di lavoro». Proprio sul turismo, nella proiezione Confcommercio, il dato degli arrivi e delle presenze in Fvg nell'estate 2017 evidenzia una variazione tendenziale (rispetto all'estate 2016) ampiamente positiva (+9,5% per gli arrivi e +6,5% per le presenze, ovvero il numero delle notti trascorse dai clienti ospitati nelle strutture ricettive) e trainata dal contributo della componente estera (turisti stranieri). Se in generale per il Friuli Venezia Giulia si prevede che a fine 2017 il tasso di crescita che si ricava dalla differenza tra imprese nate e imprese cessate sia ancora leggermente negativo, pari allo 0,2 per cento, il dato parziale del rapporto pmi nate e cessate nel terziario sarà positivo, con +323 imprese.

Per quanto riguarda la stagione dei saldi, dalle prime analisi emerge un incremento della media di sconto sulle merci (40%, pari a una crescita tendenziale dell'8%) e Confcommercio segnala un aumento delle visite in negozio, riconducibile alla crescita del turismo. «La vera sfida del futuro - ha rilevato Bolzonello - è la riqualificazione delle vie commerciali dentro le città e questo tema è più che mai connesso allo sviluppo turistico». Il vicepresidente della Regione ha salutato con favore anche i dati sulla domanda di credito delle imprese, «dove si continua a registrare un miglioramento». Secondo l'indagine di Format Research, al 30 settembre si prevede che il 29 per cento delle imprese del Friuli Venezia Giulia avranno chiesto credito al sistema bancario e che il 71 per cento di queste avranno vista la loro domanda accolta, nel 49 per cento dei casi totalmente.

Nell'incontro il presidente di Confcommercio Fvg, Alberto Marchiori, ha evidenziato il contributo alla ripresa apportato dalla Regione «che ha lavorato in collaborazione e in sinergia con il mondo economico per favorire lo sviluppo complessivo e, in particolare, per quanto riguarda il manifatturiero, il turismo, il commercio e il credito agevolato, cui si aggiunge l'impegno sulle infrastrutture nel quale il Friuli Venezia Giulia era in ritardo». Marchiori ha spronato a «lavorare in regione in maniera collaborativa per fare sì che i campanili siano abbattuti e prevalga una visione che guarda dall'alto il Friuli Venezia Giulia come realtà unica».