20 ottobre 2018
Aggiornato 12:00

Al Teatro Verdi in arrivo la danza macabra medievale con 'Rosso Angelico'

Al Festival de L'Arlecchino Errante a Pordenone spettacolo della Compagnia Teatro Tascabile di Bergamo, decana dei teatri-laboratori italiani
Al Teatro Verdi in arrivo la danza macabra medievale con 'Rosso Angelico'
Al Teatro Verdi in arrivo la danza macabra medievale con 'Rosso Angelico' (Rosso Angelico)

PORDENONE - Prosegue a Pordenone L’Arlecchino Errante, festival che dedica la Commedia dell’Arte al Teatro Contemporaneo. Dopo l’Intervista al Sindaco del 26 settembre sono in programma due appuntamenti con la Compagnia Teatro Tascabile di Bergamo, decana dei teatri-laboratori italiani, che sarà in scena sul palco del Teatro Verdi. Giovedì 28 settembre, infatti, alle 21 nel Teatro Verdi di Pordenone andrà in scena 'Rosso Angelico', della Compagnia Teatro Tascabile di Bergamo, ispirato alle danze macabre dell’arte europea lungo i secoli. Con Silvia Baudin, Giuseppe Chierichetti, Rosa Da Lima Iannone, Antonietta Fusco, Ruben Manenti, Alessandro Rigoletti e Caterina Scotti. Coordinamento artistico di Tiziana Barbiero. Sempre a Pordenone venerdì 29 settembre alle 18,30 nell’aula Master di Palazzo Badini proiezione di 'In balia di voi stessi, dietro le quinte di un teatro di gruppo', un film di Lab 80 sul Teatro Tascabile di Bergamo. Regia di Alberto Valtellina.

Giovedì 28 settembre alle 21 'Rosso Angelico'
Danza per un viaggiatore leggero con la Compagnia Teatro Tascabile di Bergamo; con Silvia Baudin, Giuseppe Chierichetti, Rosa Da Lima Iannone, Antonietta Fusco, Ruben Manenti, Alessandro Rigoletti, Caterina Scotti coordinamento artistico di Tiziana Barbiero.
Davanti ad una danza di veli spessi come sipari, un viaggiatore in arrivo ne viene attratto e si ritrova poi in un mondo rovesciato, né al di là né al di qua della vita, allegro e spaventoso, buffo e sensuale, popolato da scheletri irriverenti. Da viaggi di questo tipo, si dice, si ritorna sempre diversi. Con Rosso Angelico, lo storico gruppo di ricerca italiano ha cercato quale potesse essere l’equivalente d’una Danza Macabra del secolo appena trascorso, con la sua sinfonia di voci e frastuoni: un’ironia agrodolce sulle illusioni dei tempi e sulle loro gerarchie. Fondato nel 1973 da Renzo Vescovi sulla via aperta da Jerzy Grotowski e Eugenio Barba, il Teatro Tascabile di Bergamo è il decano dei teatri-laboratori italiani. Ha sviluppato una sua originale e approfondita ricerca sul teatro in spazi aperti, sul teatro-danza orientale, sulla drammaturgia contemporanea dell’attore e sulla pedagogia teatrale, condividendo i risultati della sua ricerca nei più prestigiosi festival internazionali.

Venerdì 29 settembre alle 18.30 'In balia di voi stessi'
Un film documentario di Alberto Valtellina, produzione Lab 80 film (2012). Durata: 60’. Lingua: italiano, inglese, danese. Sottotitoli: italiano, inglese. Con attori e attrici delle compagnie: Odin Teatret (Holstebro, Danimarca), Pontedera Teatro (Pontedera, Italia), Teatro Potlach (Fara Sabina, Italia), Teatro Tascabile di Bergamo (Bergamo, Italia).
A Holstebro, in Danimarca, durante il 'Festuge' - festival di teatro di strada organizzato dall’Odin Teatret di Eugenio Barba - in un anno intorno al 2012, in dieci giorni di frenetico e incessante lavoro, il Teatro Tascabile presentava trentaquattro interventi teatrali e musicali in diverse località. Su questo sfondo, in un racconto rapido e incalzante il film presenta il delicato momento che il gruppo sta vivendo: il ricambio generazionale; la necessità di sviluppare nuove produzioni, che nascono oggi dal lavoro condiviso; il continuo confronto con la pesante eredità artistica lasciata da Renzo Vescovi, il regista scomparso nel 2005; il bisogno continuo di un rinnovamento che non tradisca lo spirito che da sempre anima il gruppo.
Lab 80 film una società cooperativa nata nel 1976 a Bergamo per l’organizzazione, la promozione, la distribuzione e la produzione di cinema indipendente. La 'casa madre', Laboratorio 80, è l’associazione di cultura cinematografica più longeva d’Italia, nata nel 1956 come Cineforum Bergamo.