23 ottobre 2017
Aggiornato 10:00
si punta all'export

E' friulana Next Sight, l'azienda che ha inventato la macchina in grado di leggere il fondo dell'occhio

Si chiama Nexy, ed è il primo disposiztivo medicale 'imaging', ovvero: una macchina altamente specializzata che funziona come una camera fotografica in grado di approfondire lo studio del fondo dell’occhio. Punta all'economia d'uso, il nuovo paradigma dell'industria 4.0

L'azienda friulana ha inventato la macchina in grado di leggere il fondo dell'occhio (© Next Sight)

PORDENONE – Next Sight, l’azienda friulana totalmente innovativa che ha inventato Nexy: il primo dispositivo medicale 'imaging'; ovvero: una macchina altamente specializzata che funziona come una camera fotografica in grado di approfondire lo studio del fondo dell’occhio e di far refertare - con il supporto delle immagini - lo specialista attraverso quanto vede; punta all'economia d'uso, il nuovo paradigma dell'industria 4.0. Lo fa, con il sistema di funzionamento di Nexy ed accogliendo nella sua sede, Roberto Siagri, ad della friulana Eurotech, pioniere in materia di innovazione e di industry 4.0. 

Strumento per la diagnosi
Nexy rappresenta, uno strumento in grado di fornire un servizio, ad un costo contenuto, a tutti coloro che desiderano fare uno screening, utilissimo per eventuali diagnosi di malattie dell'occhio. Come del resto conferma Paola Griggio, ad di Next Sight: «Il nostro è uno strumento democratico, in grado di fornire un servizio prezioso, al fianco dello specialista. Infatti, con le immagini prodotte da Nexy ed inviate in rete al dispositivo del medico, l'oculista può refertare e diagnosticare eventuali malattie dell'occhio. In una visione preventiva, nell'ambito anche e soprattutto di un servizio brillante e veloce, che la sanità pubblica potrebbe offrire. È questo un nuovo modo di approcciare la diagnostica per immagini. Insieme alla portata innovativa del trasferimento delle immagini allo specialista, fino alla conservazione dei dati. In una parola: innovazione al servizio dell'utente finale. In un'ottica, anche, di gestione dei malati di diabete che necessitano di continue cure ed esami anche agli occhi».

Innovazione e industria 4.0
«Non posso che esprimere profondo compiacimento per quanto Next Sight è riuscita a realizzare con Nexy. All'interno di questo prodotto c'è tutta l'innovazione e la portata dei nuovi paradigmi dell'industria 4.0, applicata al settore sanitario. In questo caso: un prodotto capace di offrire un servizio all'utente finale. Con una gestione dei dati in cloud, ed un sicuro trasferimento, oltre che la conservazione dei dati prodotti. Grande valore potrebbe avere l'utilizzo di un prodotto simile nella sanità pubblica» ha affermato Siagri. Nexy copre ben 5 brevetti. L'azienda ne produce circa 200 l'anno, e punta anche sull'export.