19 giugno 2018
Aggiornato 08:30
Eventi & Cultura | da martedì 28 novembre

In viaggio con Pordenonelegge: tre giorni full immersion nella Milano della carta stampata

Dal 13 al 15 aprile visita alla Mondadori e alla redazione del Corriere della Sera. Guida d'eccezione: lo scrittore Gianni Biondillo.

In viaggio con Pordenonelegge: tre giorni full immersion nella Milano della carta stampata (© Fondazione Pordenonelegge)

PORDENONE – Riparte il 'Viaggio con Pordenonelegge', un modo per scoprire tesori d’arte e di cultura tutti italiani attraverso full immersion preziose nei luoghi in cui si ‘respirano’ i libri, i giornali e le parole che scandiscono il nostro tempo. Da martedì 28 novembre scattano le prenotazioni per vivere tre giorni nella Miano della carta stampata, con visita alla Mondadori e alla redazione del Corriere della Sera. Dal 13 al 15 aprile Fondazione Pordenonelegge.it prenderà il largo per la città più innovativa d’Italia, vera calamita finan­zaria, fulcro dei fermenti legati a moda, design ed editoria, ma anche la principale città industriale del Paese.

Due visite esclusive
Come nasce un libro? Come si riesce a cogliere la ge­nialità di un autore in erba? Nella prestigiosa sede di Segrate del Gruppo Mondadori, venerdì 13 aprile, sarà possibile trovare le risposte a queste e molte altre domande. Al Corriere della Sera una visita esclusiva in redazione spiegherà invece come si coglie ogni giorno il cuore della notizia, per raccontarla ai lettori con le parole migliori. Ma scoprire Milano significa anche avventurarsi nelle sue strade, gustando accanto ai luoghi tradizionali d’arte e cultura gli angoli meno ‘scontati’ ma altrettanto stimolanti della città: con lo scrittore milanese Gianni Biondillo sarà entusiasmante incontrare strade su cui ha passeggiato la storia, intrecciandosi con le storie grandi e piccole dei milanesi: luoghi «vivi e vitali – spiega l’autore – dove c’è ancora voglia di stringere legami, e dove si rilancia il senso di comunità». La Milano di oggi, quindi, accanto a quella di 100 anni fa che Biondillo racconta nel romanzo 'Come sugli alberi le foglie' (Guanda), la Milano degli interventisti e dei futuristi nel vivo della Grande Guerra.

Prenotazioni
Prenotazioni operative da martedì 28 novembre, fino a esaurimento dei posti disponibili presso Fondazione Pordenonelegge.it,
 Palazzo Badini - Via Mazzini, 2 - Pordenone, Telefono 0434 1573200 e-mail fondazione@pordenonelegge.it. Ideazione e Segreteria organizzativa Fondazione Pordenonelegge.it, organizzazione tecnica Antonietti Viaggi di Robintour S.p.A.
Via Montereale, 91, Pordenone, Telefono 0434 546354 e-mail antonietti@planetario-viaggi.it

Gianni Biondillo
Gianni Biondillo, classe 1966, architetto e saggista, scrive per il cinema e per la televisione. Fa parte della redazione di Nazione Indiana. Ha pubblicato per l’Universale di Architettura diretta da Bruno Zevi, Carlo Levi e Elio Vittorini. Scritti di architettura (1997) e Giovanni Michelucci. Brani di città aperti a tutti (1999). Il suo primo romanzo, nel 2004 per i tipi di Guanda, è 'Per cosa si uccide', un tributo di riconoscenza dello scrittore verso la propria città, descritta in tutte le sue molteplici sfaccettature. Sempre per Guanda sono usciti 'Con la morte nel cuore' (2005), 'Per sempre giovane' (2006), 'Il giovane sbirro' (2007) e nel 2008 la raccolta di saggi 'Metropoli per principianti', il saggio 'Manuale di sopravvivenza del padre contemporaneo', scritto a quattro mani con Severino Colombo, oltre all’antologia di racconti erotici al maschile da lui curata, 'Pene d’amore'. Del 2014 il racconto lungo 'Nelle mani di Dio. Un’indagine dell’ispettore Ferraro' (Guanda). Nel 2015 ha pubblicato 'L’incanto delle sirene. Un’indagine dell’ispettore Ferraro' e nel 2016 'Il giovane sbirro' e 'Come sugli alberi le foglie', sempre con Guanda.