16 dicembre 2017
Aggiornato 21:00
Ambiente

Vito, con la popolazione a Traffe per i lavori sul fiume Livenza

Opera molto attesa dalla comunità locale in quanto mette in sicurezza l'abitato, che in passato è stato interessato dalle esondazioni

Vito, con la popolazione a Traffe per i lavori sul fiume Livenza (© Regione Friuli Venezia Giulia)

PASIANO DI PORDENONE - L'assessore regionale all'Ambiente ed energia, Sara Vito, ha presentato, a Traffe di Pasiano di Pordenone, gli interventi programmati per la sistemazione degli argini del fiume Livenza, che scorre attorno e a sud del paese. Come ha detto Vito rivolgendosi all'affollato uditorio, in un'assemblea convocata dal consigliere regionale, Renata Bagatin, si tratta di un'opera molto attesa dalla comunità locale. In quanto mira a mettere in sicurezza l'abitato, che in passato è stato interessato dalle esondazioni.

Occorre innanzitutto ricordare, ha precisato l'assessore Vito, che il Livenza è tuttora di competenza del demanio idrico dello Stato (Provveditorato interregionale per le opere pubbliche). A Traffe, sulle sponde del fiume, ha anticipato Vito, si provvederà al consolidamento e alla impermeabilizzazione dell'argine, saranno operate difese spondali dove le rive presentano fenomeni di erosione, e si procederà alla manutenzione di una chiavica, realizzando nel contempo un accesso destinato a favorire gli interventi con le idrovore in caso di piena.

L'assessore, ha poi ricordato che di recente la Regione ha potuto sbloccare fondi destinati alla sistemazione del territorio, e alla mitigazione del dissesto idrogeologico, che giacevano inutilizzati da anni. Citando a tale proposito gli interventi che si potranno eseguire nel latisanese sulle sponde del fiume Tagliamento, per rispondere, anche in questo caso, alle pressanti richieste della popolazione.

Con l'azione avviata nel 2015, riformando le normative di settore attraverso l'approvazione della legge sulla difesa del suolo, la Regione, ha soggiunto Vito, ha riordinato le competenze sui corsi d'acqua: in tal modo è stato possibile dare maggiore impulso agli interventi di manutenzione, che sono tuttora in atto.
Nel 2016, ha altresì ricordato, per il solo consorzio di bonifica del Cellina-Meduna, per gli interventi sulla rete idrografica di competenza sono stati stanziati 7 milioni di euro, che consentiranno 24 interventi, programmati dalla Regione nell'ambito dell'azione mirata alla prevenzione delle situazioni di rischio idrogeologico e degli eventi alluvionali. «Si tratta - ha concluso Vito - di un impegno che ci eravamo presi con i cittadini, e abbiamo lavorato con determinazione per portare un risultato concreto per la sicurezza degli abitanti di Traffe, che si tradurrà con l'avvio dei lavori e l'apertura del cantiere nel 2018».

I tecnici della direzione centrale dell'Ambiente e del consorzio Cellina-Meduna, al quale spetta assieme alla Regione il coordinamento degli interventi, hanno infine dettagliato i contenuti del progetto di sistemazione degli argini del Livenza in comune di Pasiano di Pordenone, rispondendo alle richieste di chiarimenti e precisazioni rivolte loro dai numerosi cittadini presenti.