19 aprile 2018
Aggiornato 20:30
servizi al cittadino

Pordenone, Ciriani: «abbassare le tariffe e migliorare la gestione dei rifiuti»

Gli obiettivi dell'Amministrazione comunale: garantire un piano tariffario e dei servizi che rimangano invariati nel tempo e predisporre la gestione autonoma della filiera dei rifiuti assumendo il pieno controllo dei costi

Pordenone, Ciriani: «abbassare le tariffe e migliorare la gestione dei rifiuti» (© Shutterstock.com)

PORDENONE - «Abbassare le tariffe e, nel contempo, migliorare il servizio di gestione rifiuti». Questo lo scopo che si pone l’Amministrazione comunale, esplicitato nel giorno dell’elezione del nuovo amministratore di Gea (la società partecipata che gestisce i rifiuti), Andrea Lodolo, al posto del dimissionario Luca Mariotto.

Gli obiettivi
Per raggiungere tale scopo il primo cittadino ha le idee chiare: «Daremo mandato al nuovo amministratore di perseguire due obiettivi che corrono di pari passo: in primo luogo aprire un dialogo con tutti gli operatori del settore per garantire un piano tariffario e dei servizi che rimanga invariato per un lasso temporale concordato e non sia oggetto di variazioni indiscriminate. In secondo luogo, ed è qui la sensibile novità, predisporre uno studio che, sulla base del trattamento dei rifiuti recuperabili secondo le 'procedure semplificate' previste dalla legge, valuti la gestione il più possibile autonoma della filiera dei rifiuti, ora affidata a terzi, assumendone così il pieno controllo dei costi». Allo studio, dunque, una opzione che consentirebbe «di valorizzare in proprio ed in breve tempo tutti i rifiuti recuperabili con una significativa riduzione della quota dei rifiuti da smaltire presso terzi».

Qualità del servizio e funzioanlità
«Ci siamo presi l’impegno di occuparci a pieno titolo della gestione del trattamento dei rifiuti – va avanti il sindaco - perché il nostro interesse è lavorare per migliorare il servizio e sviluppare un sistema funzionale al cittadino, alle tariffe e ai bilanci familiari. Vogliamo avere un ruolo attivo, valutare le migliori sinergie e la convenienza per giungere ad una qualità al prezzo più consono. E’ un cambio di metodo e di passo: non più una delega in bianco ma una delega precisa, sintesi di un lavoro profondo per conoscere, soppesare e prendere la migliore decisione per il bene della comunità pordenonese» conclude il sindaco.