Politica | sollecitati dai rappresentanti dei lavoratori

Trasporto Pubblico Locale: migliorata la qualità del servizio sull'asse Udine-Pordenone

Durante l'arco del 2017 sono stati adottati degli interventi per superare le criticità di orario e i problemi di sicurezza dei percorsi

Trasporto Pubblico Locale: migliorata la qualità del servizio sull'asse Udine-Pordenone
Trasporto Pubblico Locale: migliorata la qualità del servizio sull'asse Udine-Pordenone (Diario di Udine)

PORDENONE - Gli interventi più significativi attuati nel 2017 per l'adeguamento delle percorrenze delle aziende di Tpl (Trasporto pubblico locale) di Udine e Pordenone sono stati illustrati mercoledì 14 febbraio dalla Regione durante il Question Time consiliare. Si tratta di interventi adottati, sulla base di sollecitazioni dei rappresentanti dei lavoratori, per superare le criticità di orario e i problemi di sicurezza dei percorsi.

Nell'anno trascorso sono stati rivisti i tempi dell'autolinea Aviano-Polcenigo-Sacile ed è stata eliminata l'inversione nella piazza di Polcenigo, abbandonando anche il transito difficoltoso tra il Castello e il centro di Aviano. Sono stati inoltre riformulati gli orari della linea Dardago-Polcenigo-Pordenone, ricollocando inoltre la fermata di Santa Lucia di Budoia, e gli orari della Maniago-Aviano-Pordenone. Per la Motta-Chions-San Vito al Tagliamento si è proceduto a una revisione sia dei tempi di percorrenza sia del tragitto nell'abitato di Motta di Livenza.
Il monitoraggio regionale ha portato a rideterminare i tempi di percorrenza delle linee che fanno capo a Lignano, oltre che a Bibione, e rettifiche del percorso hanno riguardato la frazione di Gleris e la località di Santa Sabina.

Negli scorsi giorni, a seguito di un sopralluogo congiunto con le Rls (rappresentanze dei lavoratori per la sicurezza) dell'Azienda Atap su una corsa della linea Polcenigo-Sacile-Pordenone sono stati già formulati dagli uffici correttivi per modificare alcuni tempi di percorrenza e adeguarli alle necessità del traffico in entrata a Pordenone. Tali modifiche verranno sperimentate a partire dal 1 marzo.

L'Amministrazione regionale ha ribadito, in conclusione, la disponibilità a verificare, coinvolgendo anche gli Enti locali, tutte le proposte di miglioramento ritenute necessarie dalle aziende concessionarie del Tpl e dalle organizzazioni sindacali, possibilmente sulla scorta di una preventiva concertazione aziendale.