26 settembre 2018
Aggiornato 12:30

La friulana Alessia Trost conquista il bronzo nel salto in alto

La quasi 25enne delle Fiamme Gialle ha ottenuto la misura di 1,93, migliorando il suo stagionale di due centimetri
La friulana Alessia Trost conquista il bronzo nel salto in alto
La friulana Alessia Trost conquista il bronzo nel salto in alto (ANSA)

UDINE - Subito una medaglia per l'atletica italiana, nella serata di apertura dei Campionati Mondiali indoor a Birmingham, in Gran Bretagna. La friulana Alessia Trost conquista il bronzo nel salto in alto con la misura di 1,93 superata alla seconda prova, migliorando il suo stagionale di due centimetri. Per la quasi 25enne delle Fiamme Gialle è la prima volta sul podio in una rassegna globale assoluta, dopo l'argento degli Europei indoor nel 2015 e le tante vittorie a livello giovanile, con i titoli mondiali vinti da under 18 nel 2009 e tra le under 20 nel 2012.

ORO ALLA RUSSIA - Oro con 2,01 all'imbattibile russa Mariya Lasitskene-Kuchina che centra il suo 38° successo consecutivo, argento alla ventenne statunitense Vashti Cunningham, campionessa uscente, con 1,93 ma un errore in meno alle quote precedenti rispetto all'azzurra Trost.

APPREZZAMENTO PER LA MEDAGLIA DELL'AZZURRA - Ad affiancarsi ai tanti che han seguito le gesta di una delle atlete più importanti di ogni tempo a Pordenone c’è l’intera Amministrazione comunale rappresentata nell’occasione dell’Assessore allo Sport, Walter De Bortoli.
«La gioia per il risultato di Alessia, che dopo un periodo di lieve appannamento sta riprendendo a saltare come è nelle sue possibilità, è davvero tanta. La Trost, che è cresciuta partendo dal campo di atletica Mario Agosti sino ad essere una delle saltatrici in alto più forti al mondo, ha infatti ottenuto un prestigioso terzo posto ai mondiali indoor di Birmingham, seconda per la misura saltata solo alla russa Kuchima - Lasiskene. Più che per il risultato in sé, prestigiosissimo, mi piace potermi complimentare con Alessia per il suo non mollare mai, per la sua capacità di sacrificarsi che si sposa al meglio con le caratteristiche della terra dalla quale proveniamo. La speranza è ora che, raggiunto il suo record stagionale, la crescita di Trost continui portandola ancora più in alto. Se lo merita lei, se lo meritano i suoi tanti tifosi che da sempre ne seguono le gesta. E se lo merita anche la città che rappresentiamo, che ha investito e continua ad investire sugli impianti sportivi per far si che il suo esempio possa essere imitato da sempre più ragazzi».