18 giugno 2018
Aggiornato 07:30
Eventi & Cultura | A fuoco i mali delle comunità

Rimandato di una settimana il tradizionale “Processo e rogo de la Vecia”

Considerate le cattive condizioni meteo previste per giovedì 15 marzo, il tradizionale rito folkloristico di metà quaresima, giunto alla 46ma edizione, è stato posticipato a giovedì 22 marzo

Rimandato di una settimana il tradizionale “Processo e rogo de la Vecia” (© Associazione ProPordenone)

PORDENONE - Considerate le cattive condizioni meteo previste per giovedì 15 marzo, il tradizionale 'Processo e rogo de la Vecia' di metà quaresima, giunto alla 46ma edizione, è stato posticipato a giovedì 22 marzo. Lo ha comunicato il presidente della ProPordenone Giuseppe Pedicini nel corso della conferenza stampa che si è tenuta in Municipio per presentare l’iniziativa.

RAPPRESENTAZIONE SATIRICA IN DIALETTO PORDENONESE - «Piuttosto che un fantoccio, - ha ricordato il presidente - la 'Vecia' di quest’anno è più una rappresentazione scenica che ha come titolo 'L’ano de la vecia in boleta e la gazza ladra'» costruita sui testi di Arnaldo Grandi con le illustrazioni di Giorgio Altio e la composizione grafica del libretto che tradizionalmente che l’accompagna curato da Angelo Sedran. Dunque la rappresentazione satirica in dialetto pordenonese, verrà proposta tra una decina di giorni in piazza XX Settembre alle 20.30. Come consuetudine prima di subire il processo e lo scontato epilogo la 'Vecia' fin dal primo mattino farà visita alle scuole, ai centri per anziani e un giro per le vie del centro, partendo poi alle 19 dal Municipio con al seguito il corteo preceduto dalla Filarmonica di Pordenone e dai figuranti dell’Ass Il Castello di Torre e del Gruppo Giovani ProPordenone, per raggiungere piazza XX Settembre. Il fantoccio è stato allestito dalla Pro Loco Chion-Tuttinsieme e la scenografia è curata da C.L.A.P.S. Alla presentazione dell’edizione 2018 sono intervenuti anche gli interpreti dei vari personaggi.

RITO FOLKLORISTICO DEL TERRITORIO - Il sindaco Alessandro Ciriani ha ricordato che la ProPordenone organizzando la 'Vecia' custodisce gli elementi delle nostra cultura e del nostro folklore nella sua accezione più nobile ed è condivisibile perché è una manifestazione di libertà, consente ai cittadini di esprimersi e di fustigare liberamente costumi e comportamenti non ortodossi. Il 'Processo e rogo de la Vecia' è uno dei fatti folkloristici più interessanti del Friuli occidentale con una notevole diffusione nel passato, che dopo un periodo di appannamento è stato ripreso in modo definitivo dall’Associazione ProPordenone nel 1973. Si tratta di un rito con cui si ammettono pubblicamente gli errori commessi e si denuncia chi, nella società ha sbagliato, individuando nella 'Vecia' il capro espiatorio a cui addossare tutto il male della comunità. Con la pronuncia della sentenza di colpevolezza e la condanna al rogo la rappresentazione assume significati legati alla propiziazione e alla fertilità.

VIABILITA' PROCESSO - Per agevolare lo svolgimento della manifestazione un’ordinanza dirigenziale stabilisce temporanei divieti e limitazioni alla circolazione: dalle 18 alle 20 sarà istituito il divieto di sosta in corso Vittorio Emanuele tra le intersezioni tra vicolo Chiuso e vicolo San Rocco, in piazza Municipio davanti la Loggia e in via Cairoli sul lato sinistro per 10 mt dall’intersezione con corso Garibaldi. Inoltre alle 19 dal Municipio partirà il corteo del rimorchio con la Vecia preceduto dalla Banda cittadina per raggiungere piazza XX Settembre transitando in senso contrario lungo corso Vittorio Emanuele dove dalle 19 e fino al termine del passaggio del corteo sarà istituito il divieto di transito. Il corteo procederà poi in piazzetta Cavour, corso Garibaldi, via Cairoli, via Beato Odorico, largo San Giorgio, via Brusafiera, via Bertossi, viale Trento, piazza Risorgimento, via Cossetti e piazza XX Settembre dove alle 20.30 sarà celebrato il processo e bruciata la Vecia.