19 agosto 2018
Aggiornato 09:00

Un nuovo inno per tutta la regione

Premiazione avvenuta oggi, ultima giornata di festa in ricordo dell' istituzione, il 3 aprile 1077, dello Stato patriarcale di Aquileia. La musica è del maestro Sivilotti che dice: "Riesce a tenere assieme la storia,le particolarità del Friuli e il suo avvenire"
Un nuovo inno in occasione del ricordo dell'istituzione dello Stato patriarcale di Aquileia
Un nuovo inno in occasione del ricordo dell'istituzione dello Stato patriarcale di Aquileia (Regione Friuli-Venezia Giulia)

VALVASONE ARZENE - Da oggi il Friuli ha un nuovo inno, musicato dal maestro Valter Sivilotti, pianista, compositore e direttore d'orchestra tra i più apprezzati della sua generazione. Si tratta di «In alt o fradis» (In alto o fratelli), composizione su testo di Renato Stroili Gurisatti, vincitore del bando indetto dall'Istituto Ladin Furlan "Pre Checo Placerean", la cui premiazione ha concluso la celebrazione della "Festa della Patria del Friuli" a Valvasone Arzene.

L'INNO SCELTO - La giuria, presieduta dal compositore di livello internazionale Azio Corghi e composta dai musicologi Alessio Screm, Marco Maria Tosolini, Chiara Vidoni e dal direttore dell'Agenzia regionale per la lingua friulana (Arlef) William Cisilino, lo ha scelto tra dieci opere ammesse al concorso. «Alla fine - ha spiegato Screm, tra gli ideatori del bando - ha vinto un inno di grande eleganza stilistica e che per proprietà testuali meglio rappresenta il Friuli sia dal punto di vista storico, perché si lega ad Aquileia, sia per l'attenzione al sociale grazie a messaggi rivolti ai giovani. È un inno - continua Scream - che ha grinta compositiva e timbrica: ci auguriamo venga tradotto nelle altre lingue minoritarie del Friuli Venezia Giulia e trascritto anche per cori, bande e voci bianche, in modo che tutti possano cantarlo in uno spirito di forte unità».

IL VINCITORE - Sivilotti, ricevendo il premio in un gremito auditorium "Erasmo da Valvasone", ha sottolineato come «il testo corra sul filo della retorica e in tre quartine riesca a tenere assieme la storia, le particolarità del Friuli e il suo avvenire: grazie a queste qualità - ha affermato - ho avuto la possibilità di musicarlo al meglio». Il maestro, che nella sua carriera ha scritto e arrangiato per i più noti artisti provenienti dal mondo della canzone d'autore, ha ricordato come «non sia facile trovare una musica in chiave friulana, essendo la tradizione permeata di influenze sia mitteleuropee sia latine», ma ha sottolineato come «sia importante continuare questa ricerca e approfondirla».

RICORDO DEL 3 APRILE 1077 - La premiazione del bando ha chiuso la giornata finale della festa con cui si ricorda il 3 aprile del 1077, data in cui venne istituito lo Stato patriarcale d'Aquileia. Si tratta della terza edizione da quando la Regione Friuli Venezia Giulia ha riconosciuto nel 2015 la ricorrenza con una norma che ha sancito il diritto e l'importanza del ricordo e della valorizzazione delle origini, della cultura e della storia di autonomia del popolo friulano. Una festa, questo il concetto ribadito nei discorsi ufficiali, con cui si vuole riconoscere e diffondere il messaggio che l'identità e la cultura friulane appartengono alla regione intera, nel suo complesso e con le sue diversità.

CORTEO A VALVASONE ARZENE - Il testimone dell'organizzazione della festa, curata da Arlef in collaborazione con il "Pre Checo Placeran" e da sempre itinerante tra i comuni friulanofoni delle province di Udine, Pordenone e Gorizia, è passato quest'anno dalla comunità di Sappada, ritornata al Friuli Venezia Giulia, a quella di Valvasone Arzene. Proprio dalla piazza del centro di Arzene è partito questa mattina il corteo che ha attraversato il paese impavesato di bandiere con l'aquila gialla sul fondo blu per raggiungere la chiesa di San Michele dove è stata celebrata la messa; nel centro di Valvasone invece si è svolta la cerimonia civile preceduta dalla lettura della bolla imperiale istitutiva del Patriarcato, rappresentata in costume dalla compagnia "Arc di San Marc" di San Martino al Tagliamento.