19 agosto 2018
Aggiornato 09:30

Eletto il presidente regionale di Fedagripesca, plauso di Confcooperative Pordenone

Piccoli: “Nomina che conferma il ruolo di locomotiva del settore da parte dell’agricoltura del Friuli Occidentale”
Eletto il presidente regionale di Fedagripesca, plauso di Confcooperative Pordenone
Eletto il presidente regionale di Fedagripesca, plauso di Confcooperative Pordenone (Confcooperative Pordenone)

PORDENONE - Plauso da parte di Confcooperative Pordenone per l’elezione a presidente regionale di Fedagripesca Confcooperative (l’organizzazione delle cooperative agricole e della pesca del Friuli Venezia Giulia) di Venanzio Francescutti, imprenditore agricolo di Casarsa della Delizia. «Una nomina - ha commentato Luigi Piccoli presidente di Confcooperative Pordenone - che riconosce ancora una volta come il comparto della cooperazione agricola del Friuli occidentale sia la «locomotiva» a livello regionale del settore: buon lavoro a Francescutti, che succede a un altro uomo della nostra cooperazione che ha lavorato con grande passione in questi anni, Giorgio Giacomello».

IL NEO ELETTO PRESIDENTE - Attivo con la sua azienda agricola nella viticoltura e nella coltivazione di ulivi, Venanzio Francescutti è stato in passato per due volte assessore comunale a Casarsa della Delizia e attualmente è vicepresidente del Circolo agrario di San Giorgio della Richinvelda e membro del consiglio di amministrazione della cantina Viticoltori Friulani La Delizia. Inoltre è presidente della tenuta Marianis e ambasciatore dell’Associazione nazionale Città del Vino.
«Ringrazio - ha dichiarato - il mondo della cooperazione agricola regionale per la fiducia assegnatami e sono pronto a mettermi al servizio delle nostre cooperative. Potrò contare sulla collaborazione di una squadra di cooperatori molto motivata, in particolare sull’udinese Daniele Castagnaviz: ci divideremo i compiti per rendere più efficace e puntuale il servizio alla cooperazione regionale. Sono consapevole delle grandi sfide che ci attendono, perché se è pur vero che comparti come la viticoltura e la frutticoltura stanno vivendo un grande momento positivo, è altrettanto vero che stanno affrontando anche importanti sfide progettuali per continuare la crescita in futuro. Di pari grado altri comparti, come la zootecnia, il cerealicolo e il lattiero caseario stanno lavorando per un rilancio: saremo al loro fianco, consci che l’agroalimentare è il vero «petrolio» dell’Italia e del Friuli Venezia Giulia in particolare, elemento di traino economico che grazie alle nostre eccellenze ci permette di dialogare con il mondo».

LE COOPERATIVE AGRICOLE - Come noto il Friuli occidentale è il territorio capofila a livello regionale, quello dove non solo sono attive la maggior parte di cooperative agricole ma anche quello che più si contraddistingue per capacità di investimento e innovazione. Qui sono presenti le filiere complete di vino, comprensivo dei vivai, frutta e lattiero-caseario, nonché una solida realtà di essicatoi. Si tratta di un autentico volano economico, che produce ricchezza e benessere sociale per numerose famiglie. A Confcooperative Pordenone aderiscono 50 cooperative agricole con oltre 5 mila 200 soci e un fatturato complessivo di oltre 390 milioni di euro.