23 settembre 2018
Aggiornato 19:30

Trovato senza vita il corpo dell'uomo disperso a Barcis

Il cadavere è stato notato nel lago da alcuni turisti. Concluse le operazioni di ricerca e recupero attivate da settimane
Trovato senza vita il corpo dell'uomo disperso a Barcis
Trovato senza vita il corpo dell'uomo disperso a Barcis (Vigili del fuoco Pordenone)

BARCIS - È stato avvistato da alcuni turisti, nel lago di Barcis, il corpo ormai privo di vita dell'uomo di 72 anni, di Caneva, di cui non si avevano più notizie da quasi due settimane. La scoperta risale a martedì 26 giugno, verso le 10.30 di mattina

IL RITROVAMENTO - Un passante ha notato un corpo parzialmente sommerso a pochi metri dalla riva settentrionale del lago, in una zona compresa fra l'abitato di Barcis e il ponte Antoi. Il recupero è stato effettuato da una squadra dei Vigili del Fuoco di Maniago con l'ausilio di un'imbarcazione giunta dal Comando di Pordenone. La persona deceduta è stata successivamente identificata nell'uomo di 72 anni residente a Caneva, scomparso da quasi due settimane. L'avvistamento è stato reso possibile grazie all'abbassamento del livello del lago di circa 2 metri.

LE OPERAZIONI DI RICERCA E RECUPERO - Si concludono in questo modo le operazioni di ricerca e recupero dell'uomo attivate più di una settimana fa che hanno visto coinvolte numerose unità dei vigili del fuoco, tra cui anche specialisti provenienti da altri Comandi, e del volontariato; che nei giorni scorsi avevano perlustrato a lungo lo specchio d'acqua, dopo che la macchina dell'uomo era stata ritrovata nei pressi della diga. Alla ricerca dell'anziano avevano partecipato anche i tecnici del Soccorso alpino delle stazioni di Maniago, Pordenone e Valcellina oltre che i sommozzatori del nucleo regionale Fvg. Indagini affidate ai carabinieri di Montereale, escluse responsabilità di terzi.

--

Si è conclusa tragicamente la scomparsa dell'anziano di 72 anni di Caneva del quale non si avevano più notizie da due settimane. Questa mattina, infatti, il corpo senza vita dell'uomo è stato avvistato da alcuni turisti nel lago di Barcis.

I Vigili del fuoco del gruppo Speleo Alpino Fluviale di Pordenone e Maniago hanno completato in giornata le operazioni di recupero della salma.

Le ricerche si erano concentrate nella zona perché l'auto dell'anziano era stata ritrovata nei pressi della diga, abbandonata con le chiavi inserite. Alle operazioni, oltre ai pompieri, avevano partecipato anche i tecnici del Soccorso alpino delle stazioni di Maniago, Pordenone, Valcellina e i sommozzatori del nucleo regionale, nonché due operatori con droni.